Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

ARABO

Cavalla araba
Nella foto FURIA, una favolosa cavalla araba iscritta ANICA e più sotto la sua puledra.   -  Proprirtario: Sig Michele Culasso

Origine: Arabia
Altezza al garrese: da 1,45 m a 1,55 m.
Mantello: il suo mantello può presentare colori differenti: baio, grigio, sauro e morello. Può presentare segni in fronte e balzane più o meno alte.
Carattere: questo cavallo concentra in se' tutte le qualità ricercate in ogni razza e tipo di cavallo e per questa ragione viene considerato ed utilizzato come miglioratore. Anche le razze più specializzate che differiscono molto dagli standard del Purosangue Arabo traggono benefici e miglioramenti dall'apporto di questo sangue, che conferisce loro più finezza alle forme, maggiore intelligenza e nevrilità.
Fisico: ha una testa di inconfondibile bellezza, un profilo camuso, la fronte è larga e bombata, occhi grandi ed espressivi, le orecchie sono ben piantate e distanziate fra loro: piccole e appuntite nel maschio, sono invece un po' più lunghe nella femmina.. Le narici sono grandi, sottili e ben distinte, con grande capacità di dilatazione, sempre in movimento come del resto lo sono gli occhi e le orecchie. Il muso è piccolo con labbra sottili. Il profilo della zona del naso e delle labbra è triangolare in modo evidente e caratteristico: il primo angolo è formato dalla punta dell'orlo del naso, il secondo dalla punta della punta del labbro superiore e il terzo dalla punta del mento. Il labbro inferiore è più corto di quello superiore. Le ganasce, pur non essendo pesanti, sono robuste, soprattutto molto aperte da lasciare spazio alla respirazione.

Puledro cavallo arabo

 L'incollatura, la gola, il collo, formano un altro insieme molto tipico e di grande bellezza. Il garrese è piuttosto prominente. Il dorso è robusto e largo, mentre le reni sono corte e muscolose, la groppa è alta, lunga e orizzontale; la coda, piuttosto corta, è portata alta e lontana dal corpo con grande eleganza. La spalla è lunga e ben inclinata. L'omero è lungo e verticale, ben avvolto da muscoli potenti, le ginocchia larghe e piatte, i cannoni sono forti e robusti con buona circonferenza. Il pastorale è relativamente corto ed elastico, il piede è grosso e rotondo con una buona unghia. Il posteriore è ben conformato e costituisce un propulsore di prim'ordine. I garretti sono netti, di bella forma, grandi e bassi con tendini ben distaccati e legamenti solidi.

GLI ALLEVAMENTI CONSIGLIATI DA INSEPARABILE SONO:

Link sponsorizzati

Nessun allevamento da segnalare 
se vuoi sapere come segnalare il tuo, contatta: marketing@inseparabile.it 


Storia
L'origine del cavallo arabo è antichissima, ed è pressoché impossibile ricostruire la sua storia. Probabilmente discende da un antenato selvatico che viveva nella penisola arabica fin dall'era glaciale. Gli scritti più antichi in cui vengono citati dei cavalli provenienti dall'Arabia meridionale risalgono al 400 a.C. Nel corso dei secoli gli arabi hanno perfezionato questa razza, ottenendo così un cavallo molto versatile. Il clima, l'alimentazione e una dura selezione (sia naturale che artificiale), hanno contribuito alla creazione di un cavallo dalle doti eccezionali. Infatti solo cavalli estremamente frugali, resistenti e veloci, potevano sopravvivere alle condizioni di vita imposte dal clima e dalla convivenza con un uomo feroce ed aggressivo come il beduino che abitava questi spazi sconfinati. Queste tribù di Beduini vivevano in continuo stato di guerra con altre tribù, quindi dopo violente lotte seguivano fughe precipitose. Inseparabile compagno della loro vita avventurosa era il cavallo, anzi la giumenta poiché privilegiavano il possesso della femmina a quello degli stalloni, rivelandola più resistente e garante di una possibile discendenza in grado di assicurare il continuo possesso di una cavalcatura. Tutto ciò determinava una vita ai limiti della sopravvivenza, nella quale solo i più forti possono sopravvivere. Le condizioni di vita di questi cavalli potevano portare o all'estinzione della specie, o a un suo continuo miglioramento. Il fanatismo dei beduini per la purezza dei loro cavalli, li preservò da apporti di sangue straniero, producendo i meravigliosi risultati che oggi possiamo ammirare. L'arabo è il primo miglioratore di tutte le razze europee ed è stato determinante alla creazione del purosangue inglese. Oltre che nei paesi del Medio Oriente, i migliori allevamenti si trovano in Polonia, Svezia, Francia, Inghilterra, Spagna, Stati Uniti.

Altri Cavalli dalla A alla L
ALBINO ALTER REAL ANDALUSO
ANGLO ARABO ANGLO ARABO SARDO ANGLO ARABO SPAGNOLO
APPALOOSA ARABO ARABO SHAGYA
ARDENNESE AUSTRALIAN WALER AVELIGNESE
BAVARESE BELGA BERBERO
BOULONNAIS BRUMBY BUDJONNY
CAMARGUE CHAROLAIS CONNEMARA
CRIOLLO DOLE - Gudbrandsdal DON
EQUUS PRZEWALSKII EXMOOR FALABELLA
FELL FJORD FREDERIKSBORG
FRISONE HACKNEY HANNOVER
HOLSTEIN HUNTER IRISH COB
IRISH DRAUGHT KNABSTRUP LIMOUSIN


Questa scheda ci è stata inviata da Alfeo R.

 

 

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede