Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

 

Come scoraggiare i gatti girovaghi

 

Link sponsorizzati

Sommario:

Molte persone sono realmente esasperate dal comportamento, a volte veramente distruttivo, dei gatti girovaghi del circondario... Alcuni si trovano a dover proteggere gli uccellini che stazionano o nidificano nel proprio giardino da un'autentica strage, altri non ne possono più di vedere le loro aiuole fiorite calpestate ed utilizzate come ...inappropriata toilette. Molti hanno problemi anche con i propri animali di casa messi in agitazione dalla vista di gatti vagabondi che gironzolano in prossimità della casa. Comunque, ognuno ha certamente diritto a godere come desidera della propria abitazione e di proteggere la tranquillità dei propri animali domestici...

...ma nessuno ha il diritto di risolvere il problema con metodi che non siano esclusivamente incruenti!


 

Perché ce l'hanno con me?  [vai al sommario]

Non si deve pensare che i gatti danneggino le proprietà per cattiveria! In ognuna delle situazioni precedentemente menzionate, stanno solo comportandosi nella maniera assolutamente più corretta e naturale ...ma nel posto purtroppo meno appropriato! La strategia consiste quindi nel rendere questo posto il più sgradevole e inattraente possibile, cosicché impari ad evitarlo e diriga altrove la sua attenzione...
Cos'è dunque che un gatto può trovare attraente nel vostro giardino?

Le prede:

Nessun gatto resiste al "brivido della caccia": ma a meno che non siano veramente affamati, molti non mangiano nemmeno le prede catturate. I piccoli felini hanno agito da predatori naturali degli uccelli per migliaia di anni: il comportamento è ormai geneticamente acquisito e non esistono condizionamenti affidabili per soffocare questo istinto naturale. Dal canto loro, gli uccelli hanno da migliaia d'anni sviluppato delle tecniche di sopravvivenza piuttosto efficaci, per cui non è facile né frequente che un gatto riesca a catturare un uccello adulto in perfetta salute.

La toilette:

Un altro istinto profondamente radicato nel comportamento del gatto è quello di cercare un'area dove possa provvedersi e quindi coprire i rifiuti in modo da occultarne l'odore e, di conseguenza, la propria presenza. Per questa ragione, ad un gatto che trascorre molto tempo all'aperto, il soffice terriccio delle vostre aiuole o la sabbietta fine della buca dei bambini appaiono come una toilette ideale.

Il sonno:

Quando un gatto sonnecchia sopra il cofano della vostra macchina o disteso sopra un'aiuola soleggiata, dal suo punto di vista ha appena trovato un posto meravigliosamente tiepido per schiacciare un pisolino. Il gatto non arriva a capire la portata del danno che può causare, e nemmeno può associare la vostra reazione [strillare, tirargli addosso delle cose...] con il posto scelto per dormire. Certo, imparerà presto ad evitare voi e la vostra voce, ma non ad evitare il posto che voi vorreste salvaguardare... Non eliminerà cioè il comportamento che in primo luogo causa il danno.

Il territorio:

Un gatto errabondo può avvicinarsi alla vostra casa tanto da mettere in agitazione i vostri animali che l'osservano dalle finestre. Talvolta essi si sentono sfidati territorialmente dal nuovo intruso, e si esibiscono in chiassosi atteggiamenti di rivendicazione, con tanto di gnauli minacciosi o abbaiare furiosi... Eppure, accecato dal riflesso della finestra o dall'angolo di rifrazione del vetro, il gatto vagabondo può non essersi nemmeno accorto della presenza di altri animali nell'avvicinarsi alla casa, ed essere del tutto ignaro dell'agitazione che sta causando... Il modo migliore per tranquillizzare momentaneamente i vostri animali ed evitargli ulteriore stress, è di nascondere loro la vista dell'estraneo.

Naturalmente, la soluzione ideale sarebbe che ogni proprietario responsabile tenesse i propri animali nei confini della proprietà, senza permettergli l'esplorazione di un mondo esterno sovente pieno di pericoli... Ma sfortunatamente, questa risoluzione giunge in ritardo, se proprio adesso vi trovate ad affrontare il problema di un gatto errabondo sulla vostra proprietà... Esistono tuttavia moltissimi sistemi cui affidarsi senza che venga fatto alcun male al gatto, né che gli uccelli, il giardino o voi stessi ne dobbiate risentire. Dato che ogni situazione è diversa dall'altra, vi preghiamo di ricorrere a tutta la vostra pazienza ed ingegnosità, per riuscire ad individuare il deterrente più appropriato al vostro caso attraverso tentativi ed errori. Repellenti e dispositivi progettati per cogliere l'animale "sul fatto", agiscono tutti sul principio di "condizionare" l'animale ad evitare il ripetersi di un'esperienza negativa collegata a quella data area...


 

Repellenti   [vai al sommario]

L'EPA ha listato nel suo archivio oltre 30 sostanze chimiche non nocive che possono essere utilizzate come repellenti per gatti. Li potete facilmente trovare in commercio nei negozi di articoli per animali e/o giardinaggio. Benché letale se ingerite o leccate, le palline antitarme di naftalina o canfora hanno un odore piuttosto repulsivo per i gatti: poste entro contenitori RIGIDI traforati e CHIUSI ERMETICAMENTE [ad es. una lattina bucherellata e chiusa con nastro adesivo], possono venire appese nei punti opportuni, facendo attenzione che in nessun modo il gatto le possa ingerire. I risultati ottenuti con i repellenti profumati alla citronella o simili, sono in gran parte contraddittori, perché l'efficacia del repellente è spesso messa a dura prova dagli agenti atmosferici, come umidità e/o il passare delle ore. E' quindi necessario riapplicare costantemente la soluzione, specialmente in caso di pioggia, nebbia o innaffiature. Controllate che i suoi composti chimici non possano essere dannosi per le piante che crescono in quell'area, specialmente se utilizzate fertilizzanti o altri additivi.

NON PENSATE NEMMENO DI UTILIZZARE RODENTICIDI O ALTRI VELENI!

Avvelenare gli animali è un REATO punibile penalmente. Cercare di eliminare il problema in questo modo è illegale, oltreché vile. E nemmeno efficiente: parlando in soli termini pratici, il veleno può liberarvi dalla seccatura presente ma non evitarvi quella futura... Inoltre, non avete la minima possibilità di controllo su CHI potrebbe ingerire la sostanza letale. Vi sono altri sistemi di gran lunga più efficaci senza ricorrere all'inumana via dell'avvelenamento!

Per le aree terrose o sabbiose dove i gatti amano scavare, pesanti ciottoli ornamentali possono essere la soluzione giusta, e costituire un deterrente efficace, duraturo e piacevole a vedersi. Meglio evitare però le pietre troppo levigate (che riscaldate dal sole costituiscono un ottimo posto per pisolare!) e i materiali leggeri (tipo argilla espansa). Si possono utilizzare con successo anche dei vecchi cocci frantumati, da soli o mischiati a ghiaia. I materiali scelti devono essere in qualche spiacevoli sia da spostare che da camminarci sopra. In alcuni casi, è possibile proteggere la zona con una retina metallica, stesa sotto un sottile strato di terra.


 

Dispositivi di dissuasione   [vai al sommario]

Perché un gatto prenda ad evitare un'area nella quale prima era solito andare, è necessario che l'area stessa perda attrattiva o venga percepita come "poco sicura", indipendentemente dalla vostra presenza o meno. La dissuasione più duratura è che il gatto l'associ con una situazione o un'occorrenza per lui spiacevole o disturbante... NON deve invece associarlo con la semplice presenza umana, perché in tal caso aspetterà semplicemente l'occasione più propizia. Semplici dispositivi "di sorpresa" possono essere disposti sulla superficie interessata o in stretta prossimità della stessa, in modo da sorprenderò quando si avvicinerà a quell'area. E' necessario avere un po' di pazienza e sperimentare quale dispositivo possa essere più funzionale alle vostre peculiari necessità. Ma il principio rimane immutato...

  • Suoni improvvisi:
    I gatti hanno un'incredibile memoria per le esperienze percepite come negative o spiacevoli -anche se queste sono in realtà del tutto innocue o non pericolose- ed eviteranno posti e situazioni che siano in qualche modo ad esse collegati. Preparate diversi vassoi di metallo, tipo coperchi di latta, contenitori da forno in alluminio etc, e disseminateci del materiale "fragoroso" (ad es. fagioli secchi o pasta industriale). Bilanciatene alcuni lungo i percorsi solitamente utilizzati dal gatto (ad es. staccionate, ringhiere, davanzali...) o sul bordo del cofano di ogni veicolo su cui sia solito saltare. Se bilanciato correttamente, il vassoio consentirà l'appoggio agli uccelli di piccola stazza, ma il peso del gatto sicuramente lo rovescerà con un gran frastuono: il rumore e la sensazione di instabilità provata scoraggeranno il gatto dal ritornarci, mentre la caduta non avrà alcuna conseguenza. Può essere necessario avere un po' di consistenza nell'uso di questo deterrente, perché il gatto può imparare semplicemente a "saltare" l'ostacolo, per cui è necessario cambiarne spesso la disposizione...
  • Superfici scomode:
    Per scoraggiare un gatto dal saltare o soggiornare sopra superfici piatte (ad es. cofani, verande, tettoie etc), procuratevi un telone di plastica largo più o meno quanto la superficie ed incollateci a griglia del nastro biadesivo. Assicurate il telone sulla superficie con oggetti pesanti che lo tengano in posizione, ma non gli impediscano di scivolare se tirato con sufficiente forza. Quando il gatto ci salterà su, il nastro appiccicoso sotto le zampe e lo scivolio della plastica lo indurranno presto a non provarci più...
  • Getti d'acqua:
    Questo metodo funziona specialmente bene per proteggere le aree di sosta per gli uccelli poste al livello del suolo, o quelle aree prescelte dal gatto come inappropriata "toilette". Quando la temperatura lo permette [NON fatelo quanto il tempo è rigido!] regolate il getto delle boccucce d'irrigazione perché entrino in funzione ad intervalli prestabiliti durante le ore generalmente utilizzate dal gatto per cacciare (di notte o alle prime luci dell'alba, generalmente), o spruzzate direttamente col getto della pompa il gatto quando si avvicina. Un temporizzatore programmabile può servire a scoraggiare quei gatti che avessero semplicemente preso a "frequentare" il giardino in orari in cui la pompa non è solitamente in funzione...

    L'acqua fornisce un materiale alternativo anche per i "vassoi traballanti" visti in precedenza, in modo che oltre al rumore e alla caduta l'inopportuno ospite si becchi una piccola doccia fuori programma [NON fatelo quanto il tempo è rigido!].

  • Ostacoli fisici:
    Se amate gli uccellini, e l'alimentatore con il miglio o la casetta per il nido sono fissati in verticale su un muro o una colonna, inchiodate una protezione di metallo zincato -a foggia di cono rovesciato- per proteggere l'intera piattaforma. (questo sistema funge da deterrente anche per eventuali scoiattoli)

 

Di chi è il problema?  [vai al sommario]

Se questi rimedi non dovessero funzionare, noi vi incoraggiamo a chiamare la "DDFL Behavior HelpLine" (Per gli italiani: provate a collegarvi al newsgroup it.discussioni.animali.gatti e chiedere consiglio - ndt) per discutere il problema e ottenere ulteriori suggerimenti. Tenete presente che il gatto può essere sia selvatico (solo in alcune zone rurali), sia un randagio reinselvatichito, sia un gatto domestico abbandonato o perdutosi. Può infine essere un gatto di proprietà lasciato libero di girovagare senza collarino d'identificazione...

  • Se il gatto è di proprietà di qualcuno:

    Se il gatto è di proprietà di qualche vicino, il vostro problema è a metà risolto, perché è di SUA responsabilità far sì che l'animale non possa causare danni alla proprietà altrui...

    Non precipitatevi però a litigare con il vostro vicino: non è mai facile discutere diplomaticamente di argomenti spiacevoli senza scadere in reciproche accuse... Il vostro obiettivo è ottenere la sua collaborazione nel risolvere il problema, e su questo dovreste concentrarvi: vedersi accusare di irresponsabilità lo metterà solo sulla difensiva senza che si arrivi realmente ad una volontà di cooperazione. Cercate perciò di introdurre l'argomento prendendo spunto da considerazioni concernenti la sicurezza del gatto e tutte le possibili situazioni di pericolo (traffico, antiparassitari, cani da guardia...) cui va incontro durante i vagabondaggi. Cercate di ricordare che anche se per voi è una tremenda seccatura, per il vostro vicino è pur sempre il gatto di casa: se è un proprietario affezionato, affrontando la questione da questo punto di vista vi sarà più facile instaurare una linea di dialogo produttiva... Potreste sorprendervi a notare che è un aspetto del problema al quale il vostro vicino non aveva mai nemmeno lontanamente pensato!

    I gatti mantenuti entri i confini della proprietà (o quelli che escono strettamente controllati...) sono maggiormente protetti dagli innumerevoli pericoli che malattie, parassiti, bocconi avvelenati, traffico, scontri con gatti errabondi e .....intolleranza umana possono comportare. Ogni proprietario responsabile dovrebbe considerare attentamente la tipologia della propria abitazione prima di esporre il proprio gatto ai pericoli del mondo d'oggi!

  • Se il gatto non è di proprietà di nessuno

Se non è possibile risalire al proprietario del gatto, o è un gatto completamente randagio, il problema è tutto nelle vostre mani: dato che è molto difficile di primo acchito determinare se un gatto randagio sia appartenuto a qualcuno e/o sia socializzato con gli esseri umani, usate sempre molta prudenza e nel dubbio NON avvicinatevi! Assumendo che non sia stato possibile scoraggiare il gatto con i consigli dati precedentemente, e che il gatto risulti impossibile da avvicinare e/o maneggiare, non resta che pensare all'utilizzo di un dispositivo per catturarlo...


 

Dispositivi di cattura  [vai al sommario]

NON utilizzate altre TRAPPOLE se non quelle del tutto INNOCUE per il gatto!

Questi dispositivi sono studiati per attirare l'animale dentro una gabbia con offerte di cibo, ed impedirgli quindi l'uscita finché non sia possibile spostarlo in un altro luogo. Molte Associazioni per il controllo della sovrappopolazione felina noleggiano per una cifra modesta -o rifondibile dopo l'uso- trappole appositamente studiate allo scopo, e molte Associazioni di Volontariato assistono nel disporre la trappola e catturare l'animale [in Italia, potete contattare le varie Associazioni Animaliste, ndt]. Se avete anche il più lontano sospetto che il gatto possa essere attualmente di proprietà di qualcuno (ad es. amichevole, ottime condizioni fisiche, ben nutrito, assenza di parassiti o micosi...) NON catturatelo se non per restituirlo al legittimo proprietario... Naturalmente, NON usate la cattura come rivalsa su un vicino che fa orecchie da mercante!

Per catturare un gatto randagio, allestite la gabbia con una scatoletta di tonno o di cibo per gatti: più odora, meglio è! Disponetela nel posto solitamente frequentato dal gatto o comunque in vista, e riparata il più possibile dal maltempo. Non spaventatevi se improvvisamente sentite dei miagolii disperati provenire dalla gabbia: una volta scattato il dispositivo di chiusura, il gatto sarà spaventato dal rumore improvviso ed anche seccato di essere rimasto intrappolato, ma assolutamente non ferito. Comunque, in quella situazione è esposto sia alle intemperie che a possibili pericoli, ed inoltre non ha modo di bere: controllate perciò la gabbia un paio di volte al giorno, e se trovate un animale imprigionato spostate la gabbia il prima possibile (utilizzando dei guanti pesanti per proteggervi da morsi e graffi! Ricordate che un gatto spaventato se non può fuggire attacca!). Per evitare di traumatizzarlo ulteriormente, coprite la gabbia con una coperta e finché non sia possibile portarlo presso un ricovero o un gattile, tenetelo al riparo e rifornitelo di acqua e cibo regolarmente.

 PER FAVORE:-
NON limitatevi a scaricate il gatto lontano dalla vostra proprietà! Fatelo prima sterilizzare!

Questo errore non farà altro che inasprire il problema della sovrappopolazione felina, rendendo il vostro problema verosimilmente infinito! In Italia, le Associazioni di Volontariato e il Servizio Veterinario della ASL possono ragguagliarvi sulle procedure necessarie per far sterilizzare il gatto GRATUITAMENTE presso i loro ambulatori. Ricordate che ogni randagio sterilizzato verrà "segnato" asportando un piccolo pezzo di cartilagine dalla punta dell'orecchio, per cui NON fate sterilizzare un gatto di ALTRUI proprietà!


PER SAPERNE DI PIU'...
Prendere un gatto Cure generali Comportamento
Il mondo esterno La salute dei gatti Informazioni mediche
Leucemia felina Gatti a tre colori Pulci e zecche
Prevenire problemi con la lettiera Comportamento e aggressività fra gatti Giochi per gatti e come usarli
l'aggressività dei gatti verso le persone Introdurre il nuovo gatto  Problemi con la sabbietta
Come scoraggiare i gatti girovaghi Gatti, graffi e i vostri mobili Piante e gatti
Come allevare dei micetti trovatelli Addomesticare i  gattini selvatici Altre informazioni

RINGRAZIAMENTI

 

 

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede