Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

 

Informazioni varie

 

Link sponsorizzati

Eliminare l'odore dell'urina

Urina fresca: pulire la macchia con un qualsiasi buon detersivo per tappeti (Spot Shot ad esempio.). In seguito, trattare la macchia con semplice bicarbonato di sodio, lasciare agire per circa dieci minuti ed asciugare. Se l'urina ha impregnato il tappetino bagnando anche il pavimento al di sotto, sarà difficile eliminare l'odore indipendentemente dai prodotti adoperati.

Per trovare le macchie quando non siete sicuri di dove siano, procuratevi una lampada a raggi ultravioletti con il filtro (allo scopo di eliminare ogni residua luce visibile). L'urina diventa fluorescente se esposta alla "luce nera". Potete procurarvi questa lampada presso una ferramenta. Queste lampade a raggi ultravioletti si possono trovare anche presso negozi di hobbistica ed in negozi che forniscono articoli a speleologi e a rocciatori, ma sono più costose. Il fascio di raggi UVA è sicuro purché sia adoperata una lampada ad onde lunghe e non ad onde corte come quella usata per abbronzarsi.

Prodotti Enzimatici

Prodotti che eliminano gli odori: Simple Solution (per tappeti ed altri); Outright! (per tappeti); Resolve (per tappeti e forse altri); Odor Mute (originariamente creato per togliere l'odore ai cani può avere diversi impieghi, lascia un residuo bianco ed è efficace sul cemento). Odor Abolish di Endosome Biological, può anch'esso essere utile. Questi prodotti usano enzimi per decomporre l'odore provocato dai composti presenti nelle urine e nelle feci.

Quando si utilizzano prodotti enzimatici, è importante usare enzimi freschi, fate assorbire l'enzima in profondità fin dove l'urina è penetrata e tenere la superficie calda e bagnata per almeno 24 ore. Le reazioni chimiche, incluse quelle enzimatiche, hanno una velocità maggiore a temperature più alte. Tuttavia, la maggior parte delle reazioni enzimatiche non raggiunge l'effetto desiderato se la temperatura va oltre i 38° - 39° gradi C., quindi sono sconsigliate le temperature troppo alte. Dopo aver adoperato l'enzima provare a coprire la superficie interessata con dei tovaglioli imbevuti d'acqua pura, quindi coprire con una tendina da doccia o della plastica in modo da assicurarsi che la zona rimanga umida.

Gli enzimi contenuti nei normali detersivi da bucato sono uguali a quelli contenuti nei costosi prodotti "ammazza odori", ma costano molto meno. Funzionano altrettanto bene. Biz è uno di questi, per esempio, e si può facilmente trovare nel reparto dei detersivi della propria mesticheria con il relativo prodotto per il prelavaggio. Ricordare bene di bagnare la zona interessata e di coprirla per evitare che si asciughi. L'area male odorante deve restare bagnata con l'enzima per almeno 24 ore se non oltre.

Materiali Lavabili

Mettete i materiali lavabili in lavatrice con una tazza d'aceto senza detersivo, dopodiché procedere al consueto lavaggio.

Calcestruzzo.

Se avete del calcestruzzo e (per esempio, nel pavimento) nel quale l'urina sia infiltrata, può essere molto difficile eliminarla poiché il calcestruzzo non sigillato è molto poroso. Dovrete neutralizzare l'urina ed in seguito sigillare il calcestruzzo in modo corretto. Una ditta di pulizie specializzata è probabilmente il modo migliore il per neutralizzare correttamente l'urina infiltrata nel calcestruzzo. L'aceto ed altri detersivi possono aiutare, ma solo temporaneamente. Odor Mute è conosciuto come un prodotto che lavora bene sul calcestruzzo. Anche migliorare la ventilazione può aiutare. In casi estremi, si potrà risolvere il problema gettando un altro strato di calcestruzzo sopra l'originale.

I pavimenti in legno.

I pavimenti in parquet che sono stati macchiati con l'urina possono essere molto difficoltosi da pulire. Innanzi tutto trattateli con un prodotto enzimatico per rimuovere l'odore, Nature's Miracle per esempio. Potete trovare sbiancanti e coloranti per legno presso la vostra ferramenta. Se volete, potete consultarvi con uno degli impiegati del negozio per sapere quale prodotto è disponibile. Dovrete rimuovere tutta la vernice o poliuretano dall'area interessata, levigatela un po', sbiancatela e/o verniciatela, ed infine mettete il rivestimento protettivo. Esistono, inoltre, delle ditte specializzate che potete consultare. Nei casi in cui l'area sia molto macchiata, dovrete sostituire il legno.

Erba gatta e Valeriana.

L'erba gatta è una pianta che provoca diverse reazioni nei gatti. Molti gatti giovani e gattini non saranno interessati dall'erba gatta. Solamente il 20% circa dei gatti non hanno mai manifestato interesse all'erba gatta. Non si sa in che modo e per quale motivo l'erba gatta abbia effetto sul resto della popolazione felina. Si tratta di una " droga ricreativa " per gatti che non dà assuefazione e che, per quanto si sappia, non reca danno. Su Science fu pubblicato un articolo che riguardava gli effetti neurologici dell'erba gatta sui gatti. Sembra che attraverso quest'erba la mente del felino stimoli gli stessi centri di piacere dell'orgasmo. Molti gatti si rilassano e diventano pigri e felici, altri invece si comportano come cuccioli. Solo una bassa percentuale diventerà possessiva nei confronti della sua pianta d'erba gatta e potrebbe tentare di addentarvi o di soffiarvi.

Potete trovare piante selvatiche d'erba gatta nelle aree infestate da erbacce, e raccoglierne i semi. Potrete anche comprare i semi da ditte specializzate. Molti centri specializzati in giardinaggio hanno semi d'erba gatta in questo periodo dell'anno, potrete trovarli nel reparto riservato alle piante. Si possono addirittura trovare tra gli scaffali di sementi presso drogherie o supermercati.

L'erba gatta è facile da coltivare. Dovrete tenere la pianta lontano dalla portata del gatto poiché, essendone ghiotto, la distruggerà velocemente. La strategia migliore è di lasciar crescere alcune piante dopodiché potarle e sfrondarle regolarmente dando le foglie raccolte al vostro gatto. Tenete la pianta nel suo vaso, crescerà più rapidamente. I gatti tenderanno ad estirpare le piante trapiantate mangiandole tutte, radici comprese, ma saranno molto più rispettosi con quelle piantate ex-novo. Le foglie devono essere pestate per sprigionare l'odore.

La Nepeta Cataria è la comune erba gatta; altre specie di Nepeta hanno mutato il tasso del loro "ingrediente attivo". La Nepeta mussini è una buona, un vero "bonsai" da giardino roccioso (alla giapponese). La Nepeta è una specie delle graminacee (Labiatae), che appartiene alla famiglia della menta. Esistono circa 250 specie d'erba gatta, più un gruppo d'ibridi tra le specie. Tuttavia negli Stati Uniti sono disponibili solamente 10 specie di queste piante.

La radice della Valeriana ha effetti simili all'erba gatta e generalmente rende i gatti come pazzi.
Non è tuttavia comune come l'erba gatta e forse è un po' più potente di quest'ultima.
L'erba gatta e la valeriana sono entrambe dei sedativi per l'uomo.

I gatti e l'acqua.

Alcune razze di gatti hanno affinità per l'acqua. Alcuni lettori di rec.pets.cats hanno raccontato di gatti che s'infilano sotto la doccia con loro, e sono stati riferiti altri aneddoti molto divertenti da leggere.

La maggior parte dei gatti, che amino o non amino bagnarsi, resteranno affascinati guardando l'acqua sgocciolare dai rubinetti o che sgorga dalla vasca, dal lavandino o dal w.c.

I casi di gatti che bevono dal fondo della doccia, dal lavandino o da altri improbabili posti sono frequenti. Alcuni gatti possono essere molto esigenti per quanto riguarda l'acqua; sembra piacere loro più fresca possibile e preferibilmente in movimento. Potete riuscire ad impedire alcuni di questi comportamenti cambiando l'acqua del gatto ogni giorno, anche spostando la ciotola più distante da quella del cibo. In generale quest'abitudine non farà male al vostro gatto, per quanto sgradevole vi potrà sembrare. Sarebbe opportuno dissuadere il gatto dal bere l'acqua del W.C., ma questo è subito fatto lasciando abbassato il coperchio.

Tutti i gatti fanno le fusa?

La maggior parte dei gatti domestici fa le fusa. Ma i grandi felini, le fanno? Molti dicono di no, ma il libro "The Big Cat" riporta:

". è stato ampiamente affermato che i grandi felini che ruggiscono non sono capaci di fare le fusa, tuttavia queste affermazioni ora sono state smentite. George B. Schaller riferisce che anche i leoni, i leopardi, le tigri, come i ghepardi fanno le fusa. Egli rileva che nel leone il suono è prodotto solo durante l'espirazione, che sembra essere una vocalizzazione meno comune di quella del gatto domestico (160). Il leopardo delle nevi fa le fusa come il gatto domestico sia durante l'espirazione sia durante l'inspirazione (60). Altri hanno riferito che i giovani adulti delle tigri, dei leopardi, dei giaguari e dei ghepardi ammaestrati fanno le fusa come risposta alle coccole. Infine, le fusa sono state notate in cinque specie della famiglia dei Viverridi (Famiglia di Mammiferi Carnivori diffusi in Asia meridionale e in Africa) come nei cuccioli dell'orso bruno non ancora svezzati e nelle iene maculate quando figliano e allattano. (36).

Queste osservazioni sono interessanti se si mettono a confronto con il commento di Gustave Peters che riguarda ancora le fusa, in senso stretto, dei felini selvatici (178). Egli si domanda se il rumore emesso dalle fusa dei grandi felini è lo stesso, nel dettaglio e nel modo, a quello di un gatto domestico. Dei sette grandi felini che egli ha studiato (senza considerare il ghepardo), osservò delle vere fusa solo nel puma, ma considerò probabile che anche il leopardo delle nevi ed il leopardo striato facessero le fusa. Così, ci sono ancora dei dubbi circa la diffusione e la capacità di fare le fusa tra i felini selvatici.
[36] Ewer, R.F. 1973 - The Carnivores - Ithaca, NY: Cornell University Press
[60] Hemmer, H. 1972 - "Uncia Uncia". Mammalian Species, No.20, 5 pp.
[160] Schaller, G.B., 1972 - The Serengeti Lion - Chicago: University of Chicago Press
[178] Stuart-Fox, D.T., 1979 - "Macan: The Balinese Tiger" - Bali Post (English Edition), July, 1979, pp. 12-13."

Altri gatti nella famiglia dei felini.

Ci sono altri gatti della famiglia che non sono normalmente considerati felini domestici. In generale, sono troppo grossi, forti e distruttivi. In più, molti stati hanno una rigida normativa riguardo ai felini selvatici tenuti come animali domestici; e' inoltre crudele che per renderli sicuri, si debbano privare questi animali di zanne e d'artigli.

Se avete questa forte inclinazione per gli animali selvatici, la cosa migliore è lo zoo locale. Molti zoo hanno programmi tenuti da volontari, così non solo potrete passare il vostro tempo con vari tipi d'animali, ma potrete conoscere molte cose che su di loro, avendo anche l'opportunità d'istruire il pubblico mentre fate questi giri o partecipate ad altri programmi.

Particolarità genetiche del gatto e il colore del mantello.

Un gatto che presenta macchie rosse e nere è detto "gatto tartaruga " o " Tortie ". Se a questi colori aggiungiamo il bianco otteniamo invece un gatto detto " calico ". Un gatto tartaruga che è omozigote il per il gene recessivo "debole" può essere blu-crema ovvero con macchie grigio chiare e crema. Si tratta dello stesso gene che trasforma i gatti neri in gatti blu (grigi ndr) e i gatti rossi in gatti color crema. Un gatto blu-crema e bianco è un calico "indebolito " nel mondo felino. Il tipo nero/ rosso o blu/ crema può manifestarsi in tre modi diversi: con delle macchie molto evidenti, con delle striature e talvolta con entrambe. La presenza massiccia del colore bianco sembra essere il responsabile della formazione di grandi macchie.

Il rosso nei gatti e un colore legato al sesso ed è un portato da un gene contenuto nel cromosoma x. Tuttavia, un gatto maschio la cui x porta il gene del rosso sarà un Tabby (tigrato, ndr). Una femmina xx che ha il gene del rosso in una sola x, sarà una gatta a macchie, tartaruga o calico (qualora abbia il gene dominante del bianco). Una femmina omozigote rossa (che ha il gene del rosso in entrambe le x) sarà una Red Tabby (rossa tigrata, ndr). Questo spiega perché siano più comuni i maschi rossi rispetto alle femmine (red tabby), e anche perché i maschi calico sono rarissimi: bisogna avere due x per essere un calico. I maschi calico hanno aberrazioni genetiche di vario tipo, di cui xxy è quella più comune. La maggior parte dei maschi calico è, infatti, sterile; anche se esistono casi di fertilità accertati. In ogni modo l'affermazione generica che tutti i gatti calico o tartaruga siano di sesso femminile è vera il 99,999% delle volte.

Il fatto che le femmine rosse non siano comuni è perché, statisticamente parlando, il numero dei soli maschi rossi è pari al numero delle gatte tartaruga calico, delle "tabby" pezzate, e delle femmine rosse. I maschi rossi e le femmine "tartaruga", le calico, le "tabby" pezzate possono essere generati quando anche un solo un genitore il gene del rosso, ma per generare una femmina rossa dobbiamo incrociare un gatto rosso con una femmina tartaruga, calico o tabby pezzata di rosso. Perciò le femmine di colore rosso sono meno comuni, ma non rarissime come i maschi calico. Un gatto rosso "solid" (a tinta unita, ndr) metterà sempre in mostra il suo carattere tabby (sebbene sia molto tenue e perfino invisibile, senza che sia necessario spazzolare il mantello del gatto contropelo per averne un riscontro). Esiste un altro gene impegnato sul controllo del carattere "aguti" (e cioè se il mantello del gatto è striato o a tinta unita). I gatti non aguti, generalmente, non mostrano il ti potabili tranne che nelle zone in cui compare il colore rosso. Il gene non aguti non intacca il pigmento rosso, così i gatti rossi mostrano il loro tipo "tabby".

Il gene del rosso si sovrappone al gene forte, rendendo il tipo tabby di nuovo visibile (su altri colori solid, si possono talvolta notare delle striature sottostanti, specie in controluce).

Un gatto che ha le caratteristiche dei "solid red" (rossi a tinta unita, ndr) può essere o non essere geneticamente forte (solid). Questi gatti, generalmente a pelo lungo, sono originati con macchie indistinte che non producono un gatto dal mantello particolarmente marcato.

Solid (a tinta unita, ndr) Tabby (tigrato, ndr)
Nero

Tabby marrone

Blue (grigio)

 Tabby blue

Rosso Tabby rosso
Crema Tabby color crema
Cioccolata Tabby color cioccolato
Cannella Tabby color cannella
Fulvo Tabby fulvo

 I colori che una calico produrrà dipendono dal colore del progenitore, semmai la gatta può figliare gattini rossi e non, gattine tabby pezzate, tartaruga o calico ma il fatto che la gatta generi o no cuccioli tabby dipende solo dal DNA del progenitore. Inoltre, tutti i gattini potrebbero avere o non avere delle macchie bianche.

Colori di base del Gatto

Colore Forma "debole"
Nero Blu (grigio)
Cioccolata (il colore cioccolata dipende da un gene recessivo che trasforma il nero in marrone). Lilla (grigio perla)
Cannella Fulvo (rosato aranciato molto tenue; un marrone rossiccio proprio alla maggior parte dei gatti Siamesi ed Abissini.)
Rosso Crema (con striature che vanno dal giallo, al marroncino, al camoscio. I geni del rosso e del crema sono contenuti nel cromosoma x e mimetizzano i precedenti colori. In effetti, c'è una sfumatura rosso/crema che unisce ognuno dei precedenti colori, ma è difficile distinguerli, a meno che non si abbia a che fare con un gatto tartaruga o un "tabby" pezzato che non ha zone di rosso che ne diano l'indizio).
Bianco (qui ci riferiamo al gene dominante che copre i colori precedenti e che non è attenuato.) nessuno

Modificatori.

Modificatore

Dominante/recessivo

Chiazze bianche (zampe ecc.) Dominante
Polidattilia (piedi più grossi) Dominante
Gatto di Man (senza coda) Dominante
Silver (mancanza di colore alle radici) Dominante

Maculato bianco (piccole macchie sul collo e sull'inguine)

Recessivo
Sfumatura nero/grigia (blu) Recessivo
Sfumatura cioccolata Recessivo
Sfumatura cannella Recessivo
Bobtail (mezza coda) Recessivo
Solid (a tinta unita senza striature) Recessivo
A pelo lungo Recessivo

Alcuni geni sono completamente dominanti, in altre parole facendo parte di una serie, dominano l'uno sull'altro come per esempio, i geni del gatto Siamese/Birmano; dal più colorato a quello meno colorato:

Il Birmano/Siamese con gli occhi blu e il Birmano/Siamese albino.

Il colore del Birmano e le zampe e la coda del Siamese sono sensibili alla temperatura; infatti, le estremità più fresche del Siamese sono più scure, mentre il mantello di un Birmano che ha avuto la febbre può, per un po' di tempo, risultare più chiaro. Generalmente, questi cambiamenti sono momentanei, ma ci può volere del tempo, prima che avvengano.

Tutti i gatti (anche gli omozigoti "solid") hanno una matrice "tabby": ci sono tipi "tabby" diversi, dal più dominante al meno dominante.

"Smokes" e "Chinchillas": questa è la combinazione data dai geni "silver" (un dominante) e "solid" (un recessivo che produce il colore a tinta unita). Altri modificatori influiscono, inoltre, a seconda che il gatto sia "smoke", "shaded" o "chinchilla" (scuro, ombreggiato, chiaro, ndr). Partendo dal più colorato, uno "smoke" ha la base bianca, uno "shaded" ha circa il 50% di bianco e l'altro 50% colorato in direzione della lunghezza del pelo, infine un "chinchilla" ha solo l'apice del pelo colorato. Se invece di essere un "solid" (a tinta unita), il gatto è un "tabby", esso sarà un "silver tabby", e se il colore di base non è il nero, si può pure modificare il nome aggiungendo "smoke", "tabby" ecc. come, ad esempio: blue-cream smoke, red silver tabby ecc..

Gatti e elettricità statica

Durante l'inverno o le stagioni secche, il pelo del gatto può elettrizzarsi e scaricarsi ogni volta che lo coccoliamo. Una buona soluzione è di frizionarlo con un apposito panno chimico. Gli agenti chimici presenti in queste stoffe non costituiscono un problema per il gatto, sempre che non siano troppo profumati e perciò a lui sgraditi.

Alcune persone acquistano umidificatori da mettere in casa che riducono altrettanto bene il problema dell'elettricità statica sul pelo del gatto.

Preparare il cibo per il vostro gatto.

Le seguenti ricette sono estratte da D.S. Kronfeld. Sono delle diete terapeutiche, per cani e per gatti, che si basano su un semplice sistema di ricette. Tijdschrift voor diergeneeskunde 111 (suppl.1) 37s-41s.

Ricetta base per la dieta di mantenimento del gatto

70 g. di riso bianco (1/3 di tazza)
140 g. di hamburger magro (2/3 di tazza)
30 g. di fegato di manzo (1/8 di tazza)
11 g. di farina d'ossa (1 cucchiaio)
5 g. d'olio di semi (2 cucchiaini)
2 g. di sale iodurato. (1/2 cucchiaino)

Unite il riso con 2/3 di tazza d'acqua, la farina d'ossa, il sale e l'olio di semi. Fate bollire per circa 20 minuti. Aggiungete la carne e il fegato di manzo, fate cuocere quindi per altri 10 minuti. Raffreddare prima di servire. Può essere congelato o lasciato in frigorifero per diversi giorni.

Informazioni nutrizionali:

800 kcal di energia metabolizzabile
Proteine 30%;
% degli elementi calcolati sulla materia di base disidratata:
Calcio 1,3%
Fosforo 1,1%
Potassio 0,5%
Sodio 0,45%
Magnesio 0,15%

Gatti a rischio di FUS (sindrome urologica felina).

Sostituite la farina d'osso con 3 g di carbonato di calcio (2 cucchiaini) o con mezzo cucchiaino di calcare in polvere (non di dolomite, che è ricca di magnesio). Così facendo abbassiamo il livello di calcio dall''1, 3% allo 0, 7%, il fosforo dall'1, 1% allo 0, 3%, e il magnesio dallo 0, 15% allo 0, 08 %. Il carbonato di calcio e il calcare non si amalgamano bene ed è preferibile somministrarli sotto forma di pillole o di capsule. Si può aumentare il sale portandolo fino un cucchiaino per favorire il fabbisogno d'acqua, Si può aggiungere da 1/4 a 1/2 cucchiaino di cloruro d'ammonio come acidificante urinario.

Pazienti malati di reni.

Sostituite il 40-50% con hamburger grasso (di modo che resti il 50-60 % di magro) al normale hamburger, per abbassare al 13% il contenuto proteico. Per ottenere un contenuto proteico dell'11% sostituite la carne con un uovo medio grande (55 g) e un cucchiaio di grasso di pollo. Gli animali con insufficienza renale sono anoressici, e mantenere un adeguato fabbisogno calorico può essere un fattore molto importante nella loro terapia.

Insufficienza cardiaca.

Senza sale, la " ricetta normale " contiene lo 0,05 % di sale (in confronto allo 0,03 che si trova nelle scatolette indicate per la dieta dei gatti con insufficienza cardiaca, e lo 0,5 del prodotto disidratato). Questi livelli sono indicati per animali all'ultimo stadio di insufficienza cardiaca; per il primo ed il secondo stadio cronico di insufficienza cardiaca è raccomandato un apporto di sodio pari allo 0,25% (mettete un quarto di cucchiaino nella preparazione della ricetta normale invece di mezzo). Diversamente, mettete mezzo cucchiaino di "sale leggero" (50% di cloruro di sodio o e 50% di cloruro di potassio) per ridurre il sodio allo 0,25% ed innalzare l'apporto di potassio dallo 0,5% allo 0,7%. Questa preparazione è preferibile quando si usa un diuretico privo di potassio ed, in particolar modo, quando è stata prescritta anche della digitale; infatti la digitale è più tossica negli animali bassi di potassio. Se si elimina completamente il sale dalla dieta si può aggiungere il un quarto di cucchiaino di cloruro di potassio per mantenere l'animale entro i giusti livelli di potassio, evitando così che gli venga a mancare.

Dieta a basso contenuto di grassi.

Per problemi gastrointestinali non specifici, malassorbimento, diarrea osmotica, pancreatiti lipidosi epatica, ecc.
Per ridurre i livelli di grasso, sostituite una delle seguenti sostanze a 70g di hamburger magro
100 g di carne magra al 80% 10% di grasso
120 g di uova 12% di grasso
180 g di cuore 4% di grasso
230 g di formaggio fresco 1% di grasso
400 g di albume d'uovo cotto 0% di grasso.

Sostituite due cucchiaini d'olio di semi con un cucchiaino d'olio di cartamo (zafferanone).
In casi estremi ridurre l'olio di cartamo a mezzo cucchiaino.

Dieta a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di fibra.

Per animali vecchi, con enteriti e pancreatiti croniche.
100 g di riso secco
70 g di hamburger magra al 90%
70 g di crusca
2 cucchiai di fegato di manzo
1 cucchiaio di farina d'ossa
2 cucchiaini di olio di semi
1/2 cucchiaino di sale iodato.

(questa dieta ha un apporto di 700 Kcal, rispetto a quella di base che ne ha 800).

Se la crusca irrita troppo l'intestino, sostituirla con alfa cellulosa che, inoltre, abbasserà abbondantemente l'apporto calorico.

Dieta riducente.
70 g di riso bianco
70 g di carne magra al 90%
140 g di crusca
2 cucchiai di fegato di manzo
1 cucchiaio di farina di ossa
2 cucchiaini di olio di semi
1/2 cucchiaino di sale iodato.

Questa dieta ha un apporto di 600 Kcal rispetto alle 800 di quella di base.

Dieta ipoallergenica.
Sostituire con hamburger, carne tritata di montone, agnello, maiale, tacchino, pollo o pesce la carne di cui si fa uso normalmente. Sostituire la carne di manzo con fegato di pollo o di tacchino.

Dieta a basso contenuto di purina.
Sostituire il fegato della ricetta base con minerali e tavolette vitaminiche che contengano vitamina B12. Sostituire la carne con una o due uova stemperate con 100/50 g di latte vaccino (di mucca). Si possono aggiungere al composto anche delle carote e dei pomodori. In questo modo si può ridurre il contenuto proteico ed aumentare il consenso da parte del gatto. Non aggiungete altre verdure.

I commenti di Kay.

Ho provato le ricette sopra descritte con i miei sei gatti (che non sono dei grandi divoratori di cibo). Hanno accolto la dieta di base con entusiasmo, ma non erano altrettanto entusiasti della dieta riducente. Aggiungere un cucchiaino di cipolla appena tritata è sembrato migliorare il loro consenso, come anche un po' d'erba gatta amalgamata al composto.

La maggior parte dei gatti dovrebbe trovarsi bene con la dieta di base. Se apportate dei cambiamenti maggiori (come la dieta a basso contenuto di grassi od altre versioni riducenti) potete, se volete, reintegrare qualcosa della dieta base e far passare gradualmente il gatto dalla dieta base alla dieta speciale.

Allergie dei proprietari.

Tenete di norma il gatto fuori della vostra stanza da letto. Può essere d'aiuto educare il gatto a tenersi lontano dai mobili. Si possono anche usare delle sostanze (come Allerpet C) che agiscono sul pelo del gatto in modo da dissolvere sia la forfora sia le proteine contenute nella saliva dell'animale, alle quali alcune persone sono allergiche. I gatti a pelo lungo hanno a disposizione un'area maggiore sulla quale depositare la loro saliva, ed inoltre devono essere spazzolati (il che provoca un maggior rilascio di forfora nell'aria), così per coloro che hanno questo tipo di allergia sono più indicati a gatti a pelo corto. Si consiglia di pulire, di aspirare e di strigliare e spazzolare il gatto spesso (all'aperto se possibile), di modo che lo spargimento di peli sia ridotto al minimo. Inoltre, è bene lavarlo regolarmente.

Alcune persone sono semplicemente allergiche ai nuovi gatti arrivati. Ma questo tipo d'allergia, in ogni caso, diminuirà dopo ripetuti contatti. Perciò, non diventerete allergici a gatti con cui siete in contatto quotidianamente; anche se, in effetti, è possibile che si possa manifestare un'allergia al vostro gatto qualora vi separiate da lui per un po' di tempo. Per questo tipo d'allergia è utile lavarsi le mani frequentemente.

Altre persone sono allergiche alla saliva che gatto deposita sul proprio pelo. Un ottimo rimedio a quest'inconveniente è lavare il gatto una volta al mese. Non è necessario usare del sapone, ma basta soltanto immergere completamente il gatto nell'acqua. Fatto di regola una volta al mese, questo rimedio abbassa la quantità di saliva ad un livello tollerabile; da qualche parte lo riporta anche la pubblicazione scientifica Cat Fancy, che si è occupata di questo problema qualche anno fa.

È possibile anche essere allergici al pelo del gatto, in questo caso si può scegliere fra le razze di gatti a pelo corto o addirittura glabri. Esiste un gatto, la razza Sphynx (Sfinge, ndt) che è completamente senza pelo; ci sono inoltre altre razze di gatti nelle quali il tipo di pelo al quale molti sono allergici è completamente assente (nei gatti abbiamo quattro tipi di pelo). Questi sono Cornish Rex o i Devon Rex che hanno il pelo corto e riccio.

Potete consultare uno specialista in allergologia e farvi così prescrivere delle iniezioni contro allergie specifiche. E' abbastanza costoso, ma ne vale la pena, specialmente se siete colpiti da altre allergie. Sarete sottoposti ad un test per verificare la causa delle vostre allergie, in seguito vi sarà prescritto un ciclo di iniezioni periodiche che vi aiuterà a sviluppare un'immunità verso ciò a cui sarete risultati allergici. Assicuratevi di trovare uno specialista che abbia familiarità con le allergie prodotte dal gatto: molti di loro vi raccomanderanno semplicemente di liberarvi delle vostre bestiole. Inoltre, non vi aspettate miracoli, oggi si può fare molto per ridurre le vostre allergie, ma talvolta non si riesce a scoprire la particolare allergia e quindi ci vuole molto di più che delle "semplici iniezioni" per farvi fronte.

La rivista New Woman (ottobre 1992) reca un articolo interessante circa un vaccino contro le allergie provocate dal gatto. L'I. P. C. (Immulogic Pharmaceutical Corporation) a Cambridge, Massachusetts, sta sviluppando un farmaco, Catvax, che sta ora testando su un campione di persone alla John Hopkins University. Alcuni test condotti su animali indicano che Catvax è diverso dalle tradizionali iniezioni anti-allergiche. In primo luogo perché diversamente dalla convenzionale terapia anti-allergica, che richiede una somministrazione settimanale o bisettimanale per la durata di circa un anno, questo vaccino può riuscire a prevenire completamente le reazioni allergiche dopo appena poche iniezioni. In secondo luogo perché alcune ricerche danno modo di pensare che il vaccino non produrrà effetti collaterali allergici, che invece occorrono spesso nelle terapie tradizionali, come l'asma.

Esiste un articolo informativo "When Humans have Allergies: ways to tolerate Cat Allergies" (quando gli esseri umani sono allergici: modi di tollerare le allergie provocate dal gatto) contenuto nella rivista Cat Magazine dell'aprile 1992. Il numero di agosto 1992 di Cat Fancy reca anch'esso un articolo informativo, mentre sul numero di settembre (1992) è riportata un'indagine che riguarda le esperienze di persone allergiche e di che cosa è efficace contro queste allergie.


 

PER SAPERNE DI PIU'...
Prendere un gatto Cure generali Comportamento
Il mondo esterno La salute dei gatti Informazioni mediche
Leucemia felina Gatti a tre colori Pulci e zecche
Prevenire problemi con la lettiera Comportamento e aggressività fra gatti Giochi per gatti e come usarli
l'aggressività dei gatti verso le persone Introdurre il nuovo gatto  Problemi con la sabbietta
Come scoraggiare i gatti girovaghi Gatti, graffi e i vostri mobili Piante e gatti
Come allevare dei micetti trovatelli Addomesticare i  gattini selvatici Altre informazioni

RINGRAZIAMENTI

 

 

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede