Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

 

Informazioni mediche

Link sponsorizzati


Sommario:

 



Durata della vita  [vai al sommario]

L'aspettativa di vita media del gatto è di 11-12 anni, ma non è raro trovare dei "vecchietti" di 18-20 anni. Oltre che da fattori genetici, la probabilità che il vostro gatto raggiunga un'età veneranda dipende anche dal tipo di vita che conduce: i gatti che vivono esclusivamente in appartamento sono meno esposti alle malattie ed ai pericoli, rispetto a quelli randagi o liberi di uscire senza supervisione. Statisticamente la vita media di un gatto in semilibertà è di 8 anni, contro i 15 di un gatto d'appartamento.

E' difficile comparare le fasi della vita felina con quelle umane: empiricamente, secondo il Gaines Research Center:
- entro il primo anno di vita, il gatto raggiunge un'età comparabile ai 15 anni umani (di cui 10 anni entro i primi 6 mesi!)
- ogni anno successivo, il suo processo di maturazione ed invecchiamento è rapportabile a 4 anni umani.
Secondo alcuni veterinari, nel primo anno di vita il rapporto sarebbe di 20 anni umani contro 1 anno felino.



Allergopatìe  [vai al sommario]
    (estratto da CATS Magazine, aprile 1992)

I gatti, al pari degli esseri umani, possono soffrire di un gran numero di allergie. Oltre che agli allergèni più comuni, [siano essi o no di natura proteica, e quindi dotati o privi di potere antigènico, ndt] si possono riscontrare ipersensibilità soggettive -che possono arrivare a gravi reazioni anafilàttiche- verso stimoli di varia natura [i quali determinano sia la produzione di anticorpi allergizzanti capaci di fissarsi nei tessuti sia, in mancanza di questi, l'intervento di particolari sostanze -ad es. istamina- in funzione di mediatori biochimici, ndt]. Si calcola che circa il 15% dei gatti in USA soffra di allergìe di varia natura.

Similmente a quanto accade negli esseri umani, gli allergèni penetrano nell'organismo del gatto dal mondo esterno:

  • per inalazione (polveri, pollini, peli...): irritazione delle mucose nasali e bronchiali.
  • per contatto (detergenti, linfa, lattice...): prurito, eruzioni epidermiche e dermatiti.
  • per ingestione (additivi, alimenti...): il 5-10% di tutti i casi di allergia è dovuto ad intolleranze alimentari, sia verso gli additivi presenti nei cibi preconfezionati (conservanti, coloranti, aromatizzanti), sia verso gli alimenti stessi. I sintomi sono simili a quelli delle allergie da contatto, con in più eventuali episodi di vomito e/o di diarrea. Si possono anche verificare infiammazioni alle orecchie, sovrapproduzione sebacea, desquamazioni o alopecìa (la quale però può essere dovuta anche a squilibrio ormonale). La sintomatologia delle allergie alimentari è la più lenta nel manifestarsi: i primi segnali si possono avere dopo appena una settimana come dopo 10 anni di esposizione continua. Si calcola che più dell'80% dei gatti sofferenti di allergie alimentari abbia assunto continuativamente l'allergene col cibo per un periodo di tempo di circa 2 anni. Il trattamento dietetico consiste nell'eliminazione di tutte le proteine più verosimilmente a rischio, e nella prescrizione di diete anallergiche (riso con agnello/pollo bollito, acqua demineralizzata). Nel giro di 2 settimane i sintomi dovrebbero iniziare a regredire.
  • Alcuni gatti presentano reazioni anafilàttiche gravi (talvolta letali) a certi medicinali, ad es. antibiotici o anestetici.

Ultimamente sono in corso studi volti a stabilire se esista o meno un collegamento fra allergie di tipo alimentare e FUS [Feline Urinary Syndrome, sindromi dell'apparato urinario, ndt], ma i risultati ottenuti sono ancora allo stadio sperimentale.

Uno degli allergèni più comuni e fastidiosi è costituito dalle sostanze proteiche presenti nella saliva delle pulci. Gli animali anziani sviluppano un'intolleranza crescente al loro morso. E' perciò necessario mantenere il pelo dell'animale quanto più possibile libero dalle pulci, utilizzando antiparassitari specifici. Il veterinario deciderà se prescrivere ulteriori trattamenti (in pastiglie o iniezioni) di prednisone [uno steroide sintetico derivato del cortisone, dotato di un'efficacia terapeutica da 3 a 5 volte superiore a questo, con effetti collaterali sul ricambio idrosalino -sodio e potassio soprattutto- tutto sommato comparabili, ndt].

Allergèni più comuni :

  • pollini, linfa e lattice di alcune specie di piante [specie quelle ad alto contenuto di ossalati di calcio, ndt],
  • pulitori spray per moquette e tappeti, lana e tessuti,
  • polveri, compreso il residuo argilloso di alcuni tipi di lettiera, e la cenere della caldaia,
  • carta da giornale, cellulosa in genere,
  • fumo di sigaretta,
  • profumi, deodoranti, saponi per l'igiene personale
  • detergenti e deodoranti per uso domestico,
  • pomate e disinfettanti per uso topico,
  • antibiotici: penicillina, tetraciclina, neomicina...
  • vaccini, specialmente quello contro la panleucopenìa [gastroenterite felina infettiva, ndt]

Ogni sostanza causa reazioni sintomatiche differenti, la cui portata varia soggettivamente da gatto a gatto:
- dermatiti, arrossamenti, cambiamenti nella pigmentazione [specialmente del naso e della bocca, ndt], prurito insistente, perdita di pelo, comparsa di pustole, crosticine, eruzioni o ulcere epidermiche, talvolta reazioni asmatiche. Le zone maggiormente colpite sono il mento, le orecchie, l'interno delle cosce, l'addome, la base della coda, le ascelle e la zona perianale.

Non esiste modo di prevenire una possibile reazione allergica. Una volta comparsa, la cura deve tendere per quanto possibile ad individuare l'allergene responsabile -tramite test epicutanei- e ad effettuare successivamente una desensibilizzazione specifica. Quando questo non fosse possibile, oltre all'allontanamento della sostanza incriminata, si utilizzano trattamenti desensibilizzanti non-specifici (ad es. cortisonici o corticosteroidei), cercando nel contempo di bloccare l'azione biochimica dell'istamina con farmaci antagonisti (antistaminici, ad es. clortrimetron). Questi farmaci hanno comunque dei potenziali effetti collaterali [per cui NON somministrate MAI medicine che non siano state espressamente prescritte dal veterinario, osservando scrupolosamente il periodo di trattamento e le dosi indicate, ndt].



Epilessia e convulsioni  [vai al sommario]

Vedi http://www.cs.cmu.edu/People/lowekamp/feline_epilepsy.html (in inglese)
 


Insufficienza renale cronica  [vai al sommario]
 
E' purtroppo una degenerazione metabolica irreversibile e fatale, che porta ad una lenta ed inesorabile auto intossicazione per l'impossibilità dei reni di liberare il sangue dalle sostanze di rifiuto. Può essere stabilizzata e controllata -per mezzo di un'attento regime alimentare, che produca il minor numero di tossine possibile- per un discreto periodo di tempo, semprechè diagnosticata in tempo utile.

La migliore fonte di informazioni e supporto su Internet è: Feline Chronic Renal Failure Information Center di Carol DiFiori, carol@lynxpt.vip.best.com [ http://www.best.com/~lynxpt/ ].



Sindromi dell'apparato urinario (FUS)  [vai al sommario]

Comprendono svariate affezioni che colpiscono l'apparato urinario inferiore con esclusione dei reni, secondarie ad infiammazioni, infezioni e/o ostruzioni della vescica e dell'uretra. Un gatto colpito da FUS [Feline Urinary Syndrome, ndt] può mostrare uno o tutti i sintomi caratteristici: è pertanto necessario un costante monitoraggio per individuare i primi segnali di allarme.

E' importante capire bene che con il termine di FUS non si indica una malattia specifica, quanto piuttosto una 'condizione', le cui cause -o concause- sono costituite da tanti fattori, alcuni ben noti e alcuni in parte ignoti. L'incidenza di FUS è piuttosto alta nei gatti maschi, nei quali assume connotati di assoluta gravità e costituisce una delle più serie emergenze cliniche [a causa della ristretta ampiezza del lume uretrale maschile rispetto a quello femminile, è più facile che detriti metabolici, calcoli e uroliti  possano ostruire il passaggio dell'urina, causando ritenzione urinaria, con conseguente infiammazione e rigonfiamento della vescica. L'organismo subisce dapprima un forte aumento del livello di azotemia nel sangue, più una marcata disidratazione conseguente allo squilibrio idro-elettrolitico, e successivamente un'intossicazione uremica che nel giro di 24 ore può determinare uno stato di coma e a breve distanza la morte per auto-avvelenamento del sangue. E' vitale intervenire non appena si manifestano i primi sintomi. La prassi d'emergenza prevede un intervento di cateterizzazione per drenare l'urina, la somministrazione di flebo intravena reidratanti, la prescrizione di antinfiammatori ed eventualmente antibiotici, ndt].

Non esiste modo per prevenire l'insorgenza di FUS: solitamente accorte misure dietetiche [curate che i croccantini siano a basso livello di magnesio con alto potere acidificante, ed assicurate continuo approvvigionamento idrico, ndt] possono diminuire il rischio, ma non escluderlo del tutto: una volta occorso il primo episodio di FUS, la terapia generalmente adottata comprende:
- la prescrizione medica di un particolare regime dietetico, variabile a seconda del tipo di uroliti individuato [struviti o ossalati, rispettivamente fosfato di magnesio e ossalato di calcio, ndt]
- la necessità di un controllo costante del livello di acidità delle urine.
Nei casi recidivanti, che non rispondono alle normali terapie convenzionali, si ricorre all'intervento chirurgico [uretrostomìa perineale: deviazione del percorso uretrale dal pene all'orifizio anale, allo scopo di impedire il continuo bloccarsi dell'uretra, ndt].

Sintomi generali di FUS (possono occorrere più volte):

  • FEMMINE: ripetuti tentativi di urinare, con presenza di sangue nelle urine a causa dell'infiammazione alla vescica, frequenti puntate alla lettiera con pochissima urina depositata, talvolta [specie nel caso di UTI, Urinary Tract Infection, infezione del tratto urinario, ndt] urinazione al di fuori della lettiera. Piuttosto infrequenti gli episodi di bloccaggio, dato che il canale uretrale sbocca direttamente nella vagina senza subire restringimenti.
  • MASCHI: stessa sintomatologia di cui sopra, con l'aggravante del possibile bloccaggio dell'uretra. Il collo di bottiglia si viene a creare nel punto di immissione del canale uretrale nel pene. [attenzione a non fare confusione fra urinare e spruzzare, che specie nei maschi sono due comportamenti ben diversi, senza relazione fra loro. Spruzzare è tipico dei maschi integri, non è correlato a problemi di salute ed è un normale comportamento di marcatura territoriale. Urinare -insieme al NON urinare- è uno dei principali segnali d'allarme per sospettare l'insorgenza di FUS, ndt]

Consultate IMMEDIATAMENTE il veterinario se occorrono questi sintomi:

  • frequenti ed infruttuosi tentativi di urinare, in posizione tipicamente accucciata con evidente disagio, miagolii di dolore.
  • vescica dura e gonfia -all'incirca delle dimensioni di una palla da tennis- ad una *delicata* palpazione dell'addome.
  • perdita di appetito, depressione, vomito e/o diarrea, disidratazione. NON aspettate questi ultimi per chiamare il veterinario: un'avanzata intossicazione uremica potrebbe non recedere anche dopo lo sblocco dell'ostruzione e le cure intensive: come risultato, la vescica resta permanentemente danneggiata.

Cause principali

Molto genericamente, qualunque fattore predisponente a stenòsi [restringimento, ndt], malfunzionamento o ostruzione dell'uretra, accompagnata o meno da infiammazione, infezione o anormalità anatomiche della vescica. In particolare:

  • Calcolòsi delle vie urinarie: urolitìasi [principalmente struviti, ma anche ossalati, ndt] con presenza di sangue , accompagnata da letture del livello di magnesio troppo alte rispetto al valore del PH urinario. In questo caso:
    • un'alimentazione a base di pesce può non essere indicata per l'alta presenza di sali minerali, tenuto conto tuttavia che la probabilità -per un regime alimentare piuttosto che un altro- di causare problemi è del tutto soggettiva,
    • i calcoli possono formarsi a causa di un alto livello di magnesio, o essere secondari ad un'infezione della vescica,
    • vari disordini metabolici -alcuni dei quali non ancora ben compresi- possono causare un'alta concentrazione di minerali in soluzione: in questi casi la dieta può assumere un ruolo preventivo fondamentale, e il consumo d'acqua può contribuire alla diluizzazione del contenuto minerale delle urine [una dieta fondamentalmente proteica ha come conseguenza un'alta produzione di metaboliti e di urea: per natura il gatto tende ad avere una concentrazione di urea nelle urine del triplo circa di quella umana. In ambiente a PH acido - 6,4 o meno- ci sono meno possibilità che si formino cristallizzazioni, ndt].
    • un'infezione batterica può ugualmente provocare la formazione di uroliti. Possono concorrere: malformazioni congenite o acquisite della vescica e/o dell'uretra. La castrazione precoce, un tempo additata come una delle maggiori responsabili, NON è da considerarsi più come fattore negativo determinante.
    • traumi all'apparato urinario.
  • Problemi neurologici collegati all'atto di urinare: [l'emissione delle urine è sotto il controllo del sistema nervoso centrale, ndt] difficilmente diagnosticabili se non in strutture dotate di apposite attrezzature. Possono essere dovuti:
    • ad infezioni batteriche primarie. Piuttosto RARO.
    • a lla presenza di tumori, benigni o maligni.
    • ad ostruzioni di matrice proteica: possono derivare da frammenti amminoacìdici non minerali, di origine virale o di provenienza sconosciuta.
    • a fattori sconosciuti relativi ad infezioni non-batteriche, tossine, stress ed influssi stagionali.

Trattamenti terapeutici:

L'ostruzione uretrale nei maschi DEVE essere eliminata IMMEDIATAMENTE tramite cateterizzazione o, come si è visto, può essere un fattore di pericolo letale. La terapia dell'intossicazione uremica prevede la somministrazione di flebo riequilibranti intraveda, ed un attento monitoraggio dei valori azotemici del sangue. Anche la prescrizione di antibiotici per il controllo di eventuali infezioni secondarie è piuttosto ricorrente.

Se -nonostante il risolvimento dell'ostruzione- persistesse un inadeguato deflusso delle urine, è da sospettarsi la presenza di una stenòsi [restringimento, ndt] uretrale e/o di depositi minerali o proteici. Una paralisi momentanea può essere la causa del mancato svuotamento della vescica, quando sia conseguente al rigonfiamento subito, od essere la causa prima dell'ostruzione uretrale.
In entrambe le ipotesi, è di norma mantenere in sito il catetere fino alla risoluzione del problema.

Una stenòsi uretrale permanente, l'impossibilità di evitare l'ostruzione e/o l'inefficacia nella prevenzione di successive ostruzioni -tramite apposite diete alimentari e acidificazione delle urine- sono alla base del ricorso all'intervento chirurgico, uretrostomia perineale: questo prevede l'ablazione del pene e la deviazione dell'uretra, nel tratto prima del restringimento, verso l'orifizio anale, allo scopo di creare un canale di deflusso dell'urina di dimensioni simili a quello femminile. Pur essendo una procedura abbastanza efficace nella prevenzione di successive ostruzioni, è da considerarsi -per ovvi motivi- come l'ultima risorsa.

Quando la FUS non sia accompagnata da segni di ostruzione (come spesso accade nelle femmine), il 75-80% dei gatti può essere curato ricorrendo solamente ad un opportuno regime alimentare, da stabilirsi previo esame della composizione chimica dei cristalli. Anche i gatti maschi non in stato di ostruzione urinaria, o quelli prontamente cateterizzati PRIMA dell'intossicazione uremica, che presentano valori azotemici normali, possono essere inizialmente curati con il solo regime alimentare. I soggetti che in seguito alla sola terapia alimentare presentano:
- valori del sangue normali dopo 1-2 settimane
- valori delle urine normali dopo 3 settimane
possono essere mantenuti stabili con la prosecuzione del solo trattamento alimentare.

L'acidificante DL-metionina (generalmente contenuto nelle diete per il trattamento della FUS, e nei croccantini dichiaratamente adatti all'acidificazione delle urine) può -a discrezione del veterinario- essere prescritto a parte [NON utilizzate acidificanti in eccesso senza motivo, perché il loro effetto non si limita alle urine e può provocare uno stato di acidosi dell'intero organismo, ndt]. Viene di solito raccomandato il ricorso ad acqua oligominerale o addirittura demineralizzata.



Diabete mellìto [vai al sommario]
    [ndt: vi sono ottimi siti Internet per chi volesse ulteriore documentazione. Io vorrei segnalare:]
             - Feline Diabetes (il sito di un medico con due gatti diabetici) http://pricemd.com/felinediabetes/index.html (attualmente offline)
             - Pets with Diabetes (moltissimi links e risorse per cani e gatti diabetici) http://www.mdcc.com/pets.htm

Si tratta di una condizione endocrina patologica caratterizzata dall'impossibilità metabolica di regolare appropriatamente il ricambio dei carboidrati e il loro livello nel sangue [dovuto all'incapacità, da parte del pancreas, di produrre sufficienti livelli di insulina -tipo1- o, più raramente, dell'organismo di utilizzarla -tipo2-, ndt]. Tutto ciò si traduce in una elevata iperglicemìa [livello di glucosio nel sangue, ndt] e alla susseguente glicosurìa [presenza di glucosio nell'urina, ndt]. La glicosurìa determina due dei sintomi più caratteristici: sete eccessiva [polidipsìa, ndt] e urinazione eccessiva [poliurìa, ndt]. Si possono osservare anche aumento dell'appetito ma contemporanea perdita di peso. Successivamente, se la malattia non viene curata: vomito, disidratazione e stato di prostrazione generale [un disturbo infrequente è la cosiddetta "neuropatìa diabetica", nella quale di ha una progressiva debolezza delle zampe posteriori, che determina un'anomala postura e motilità, ndt]. Complicazione secondaria comune è l'insorgenza di cataratte. L'obesità e il conseguente sovraccarico metabolico sono fattori predisponenti nell'insorgere della malattia, alla quale i gatti maschi anziani sono maggiormente esposti delle femmine e dei soggetti giovani [NON istituite un regime dietetico dimagrante di testa vostra: nel gatto, a differenza degli esseri umani e anche dei cani, una perdita di peso superiore al 3% alla settimana è da considerarsi a rischio di gravi disfunzioni epatiche susseguenti alla mobilizzazione delle riserve corporee, ndt].

La comune terapia consiste sempre in un appropriato regime alimentare, capace di mantenere il livello dei carboidrati compatibile con l'alterato metabolismo [in molti casi, è necessario escluderli del tutto, ndt], in special modo se il diabete è accompagnato da obesità. Nella maggior parte dei casi sono anche necessarie quotidiane somministrazioni di insulina a lento rilascio per iniezione sottocutanea, previo test dell'urina per determinarne il dosaggio [talvolta, si può ovviare con farmaci ipoglicemizzanti -glipizide- ad assunzione orale, ma difficilmente si riesce ad ottenere un buon trattamento terapeutico senza l'ausilio dell'insulina, ndt]. Frequenti controlli dal veterinario si rendono necessari nel corso della malattia per ottimizzarne la posologia [ospedalizzazione e monitoraggio nelle 24 ore dei livelli di glucosio nel sangue, ndt]. Le striscette di carta per la misurazione del glucosio urinario sono reperibili in farmacia.

Gli stati comatosi o precomatosi, derivanti da eccessiva somministrazione di insulina o diabete grave in fase chetoacidòtica [eccessiva presenza di corpi chetònici: chiamati anche acetònici per la presenza di acetone, sono normali metaboliti prodotti al livello del fegato, che si accumulano nel sangue quando nell'organismo vi è prolungata assenza di carboidrati, ndt] sono da ritenersi di particolare gravità, potendo rivelarsi letali se non curati  prontamente: in attesa che il veterinario intervenga con fleboclisi riequilibranti ed insulina ad effetto rapido, un cucchiaio di sciroppo d'acero tenuta a portata di mano può essere utile, semprechè il gatto sia in condizioni di inghiottire [sintomi caratteristici: vomito, letargìa, disidratazione, estrema debolezza e irregolarità respiratorie. Successivamente compaiono convulsioni e coma: NON somministrate nulla se il gatto è in quest'ultima condizione, ndt].

E' altamente raccomandabile non permettere al gatto di uscire senza supervisione, per prevenire l'assunzione di occasionali "spuntini" che possono pregiudicare la correttezza della terapia insulinica.



Diarrea  [vai al sommario]

 Una diarrea che persista per due giorni, *richiede* la visita specialistica. Il veterinario accerterà se il gatto abbia anche un po' di febbre, o se vi sia disidratazione: quest'ultima, specie nei gattini molto piccoli, è un pericolo letale. E' utile portare un campione delle feci, che verrà esaminato alla ricerca di eventuali parassiti.

La gestione di sindromi diarroiche temporanee può essere effettuata a casa, prevalentemente tramite un leggero cambiamento alimentare, da effettuarsi -quando possibile- sempre gradualmente, per non sconvolgere le abitudini alimentari del gatto. Qualunque cibo somministriate, deve essere il più leggero possibile: non utilizzate nessun tipo di spezie o aromi, in quanto tendono ad irritare lo stomaco. E' possibile utilizzare:

  • riso bollito (a lungo, l'amido poco cotto è molto indigesto)
  • brodo di pollo
  • pollo bollito
  • omogeneizzati di carne
  • formaggio non stagionato
  • yogurt naturale
  • pane

Il veterinario potrà prescrivere alcune medicine: altrimenti, 1/2 cucchiaino di kaopectate (NON peptobismolo) può essere di valido aiuto. E' possibile che, a giudizio del veterinario, si rendano necessarie 24-48 ore di digiuno, per non rischiare nuovi episodi di diarrea, prima di iniziare a somministrare cibo leggero.

Generalmente, la diarrea acuta [ad insorgenza improvvisa, ndt] non dura per più di un paio di giorni, e -semprechè non vi sia febbre concomitante- non costituisce un serio pericolo: è però importante assicurarsi che il gatto assuma regolarmente liquidi (anche acqua leggermente zuccherata), in modo da evitare il pericolo di disidratazione.

DIARREA ACUTA: possibili cause  [inizio paragrafo]
        Da: Colin F. Burrows. 1991. "Diarrhea in kittens and young cats" ["Diarrea nei cuccioli e nei giovani gatti", ndt].
        Consultations in Feline Internal Medicine. WB Saunders Co., Philadelphia

Per la maggior parte, è dovuta ad infezioni virali e/o disturbi dietetici.

  • Malattie infettive:
    • virali:
    •     - panleukopenìa [gastroenterite felina o "distemper", ndt]
          - leucemia felina
          - infezioni dovute a corona-virus
          - infezioni dovute a rota-virus
          - infezioni dovute a astro-virus
    • batteriche:
    •     - salmonellòsi
          - infezioni dovute a campilobattèri
          - infezioni dovute ad "Escherischia coli" (però non documentate nei gatti)
    • parassitarie:
    •      - parassitòsi da nematòdi [ascàridi, specialmente "Toxocara" e "Toxascaris", ndt]
          - anchilstomìasi [diarrea acuta con striature di sangue, ndt]
          - coccidiòsi [specialmente da "Coccidium bigeminum": diarrea, debolezza, dimagrimento, ndt]
          - giardìasi [parassitòsi da "Giardia", diarrea, enterite, ndt]
          - toxoplasmòsi [da "Toxoplasma gondii", ndt]
  • Disturbi alimentari, specialmente in occorrenza di cambiamenti dietetici o assunzione di alimenti deteriorati.
  • Intossicazioni o allergia riconducibili a determinati medicinali:
    • acetominophen ("Tylenol", molto pericoloso)
    • antibiotici

     

  • Cause indeterminate:
    • ostruzione parziale dell'intestino

 

DIARREA CRONICA: possibili cause    [inizio paragrafo]

  • Malattie infettive
    • virali e/o batteriche:
    •     - FIV ["Feline Immunodeficiency Virus", immunodeficienza felina, ndt]
          - FeLeuk ["Feline Leukemia", leucemia felina, ndt]
          - salmonellòsi
          - infezioni dovute a campilobattèri
          - infezioni dovute a "Clostridium" [alcune di queste, tetanica e botulinica, altamente tossiche, ndt]
    • parassitarie:
    •     - come sopra, eccezion fatta per la toxoplasmosi
  • Varie
    • infiammazione intestinale
    • ipersensibilità alimentare
    • sensibilizzazione a farmaci
    • ipersviluppo della flora batterica (??)
    • ostruzione intestinale parziale
    • idiopatica (cause sconosciute)

 



Leucemia virale felina (FeLV)  [vai al sommario]

Vedi FAQ: "Leucemia Felina"



Sindrome da immunodeficienza virale (FIV)  [vai al sommario]
 
Non esistono ancora vaccini o cure per questa malattia: si contagia attraverso ferite aperte, per cui i gatti esposti ai morsi di animali infetti sono maggiormente a rischio rispetto ai gatti d'appartamento.

La malattia attacca e danneggia lentamente le naturali difese del sistema immunitario, cosicché è estremamente facile che un gatto affetto da FIV conclamata, soccomba a causa di qualche malattia secondaria. Si tratta di un retro virus della stessa famiglia del virus che causa negli esseri umani la sindrome da immunodeficienza [HIV, Human Immunodeficiency Virus, ndt] ma NON è possibile per l'uomo contrarre l'AIDS da un gatto malato di FIV [NON vi è perciò alcun motivo di allontanare o eutanasizzare un gatto FIV-positivo, ndt].

I gatti FIV-positivi, devono essere tenuti assolutamente separati dagli altri, e non possono essere lasciati liberi di uscire, per evitare il diffondersi del contagio ad altri animali sani. Non è la malattia in sé stessa a causare la morte, quanto lo sviluppo di infezioni secondarie: se si riesce, con l'ausilio costante del veterinario, ad evitare l'occorrenza di complicazioni [principalmente infezioni urinarie, affezioni respiratorie e problemi cutanei], i gatti FIV-positivi hanno comunque un'aspettativa di vita relativamente soddisfacente.

La malattia si manifesta generalmente in tre forme, non nettamente separate le une dalle altre:

  • FIV latente: nessun sintomo, può perdurare per mesi ed anni,
  • FIV acuta: linfonodi rigonfi, febbre, depressione, infezioni batteriche,
  • FIV cronica: possibile aggressione di virus, funghi e batteri. La sopravvivenza è raramente superiore ai 2 anni

 



Peritonite infettiva felina (FIP)  [vai al sommario]

Vedi FAQ: "Peritonite Infettiva Felina"
 


Malattie dell'apparato respiratorio superiore  [vai al sommario]
 
Le malattie connesse con l'apparato respiratorio superiore, sono causate sia da virus che da batteri, con sintomi spesso simili a quelli del raffreddore o dell'influenza. Le cause più comuni sono dovute a:

  • FHV-1 (Feline Herpes Virus tipo 1, herpes virale felino o rinotracheite infettiva felina)
  • FCV (Feline Calici Virus, caliciviròsi felina)
  • clamidoviròsi ("Chlamydia psittaci")

Non è sempre facile fare una netta distinzione fra le forme virali e quelle batteriche, anche perché in molte malattie virali dell'apparato respiratorio superiore occorrono complicanze secondarie dovute all'infiltrazione di batteri. Inoltre, è possibile che la malattia in sé sia riconducibile a diverse forme virali contemporaneamente.

Per FHV-1, FCV e Clamidia esistono vaccini specifici, in genere accorpati in una somministrazione polivalente, specialmente nel caso della prima vaccinazione dei gattini. E' da tenere presente che la protezione offerta dai vaccini è relativa alle infezioni sistemiche (a sintomatologia febbrile, con complicanze diarroiche e polmonari), ma non si dimostrano altrettanto efficaci contro le infezioni locali dell'apparato superiore (possono cioè ancora manifestarsi starnuti, lacrimazione...)

Herpes felino (FHV-1 o FVRV)

L'herpes felino, anche conosciuto come FVRV [rinotracheite felina infettiva, ndt], può causare una grande varietà di sindromi cliniche: i sintomi più comunemente osservabili sono:
    - rinite (naso gocciolante e starnuti), spesso associata a congiuntivite (occhi arrossati e lacrimosi)
    - ulcere, sia orali che corneali, con presenza di febbre e diarrea.
La rinotracheite infettiva è piuttosto pericolosa per i gattini piccoli [e gli animali anziani, ndt]: può essere trasmessa per contatto diretto [ad esempio nelle pensioni o negli ambulatori ad alta concentrazione di animali, ndt] o tramite gli starnuti. Passando la barriera placentare, qualora la madre ne sia affetta può venire trasmessa ai feti [o causare aborto, ndt].

Il veterinario può prescrivere antibiotici ad ampio spettro per controllare l'insorgenza di complicazioni batteriche secondarie, ma non ci sono medicine efficaci contro l'attacco virale: come nelle sindromi virali umane, un gatto ristabilitosi da una prima infezione può guarire apparentemente, rimanendo in realtà un portatore sano o incubando la malattia in uno stadio latente: lungi dall'immunizzare contro successivi attacchi, questa tende a ripetersi periodicamente in occasione di indebolimenti del sistema immunitario [spesso in forma di congiuntiviti non rispondenti all'usuale terapia o catarro cronico, ndt]. Per quanto possibile, se il vostro gatto ha contratto la malattia nel passato, evitate di sottoporlo a situazioni stressanti che possano indebolirne le difese immunitarie, al fine di evitare la rioccorrenza della malattia e anche il possibile contagio agli altri gatti. NON vi è nessun pericolo, invece, per quanto riguarda un possibile contagio all'uomo.

Caliciviròsi (FCV)

La sintomatologia della caliciviròsi è molto simile alla precedente: vi è una maggiore ricorrenza di ulcerazioni alla bocca, febbre e dolori alle giunture, ma sono spesso presenti anche rinite, congiuntivite e infiammazioni alle gengive. Le similarità con la rinotracheite comprendono il trattamento terapeutico (limitato alla prescrizione di antibiotici ad ampio spettro per il controllo delle infezioni batteriche secondarie), e la possibilità sia di contagio da parte dei portatori sani, sia di rioccorrenze della malattia stessa. A differenza della precedente, comunque, lo stress non sembra uno dei fattori predisponenti per l'insorgere di nuovi attacchi.

Clamidoviròsi

La "Chlamydia psittaci" è un microrganismo simile ai batteri, capace di infiltrarsi e danneggiare le membrane mucose, principalmente i tessuti congiuntivali dell'occhio. I sintomi possono variare, e confondersi con quelli causati da altre forme virali e batteriche. Il sintomo più ricorrente è la congiuntivite, che a differenza delle forme virali causate dalla rinotracheite e dalla calicivirosi è all'inizio riservata ad un occhio, e in seguito viene contagiata anche all'altro. Può causare anche rinite, febbre, polmonite e diarrea. Risponde bene a trattamenti terapeutici basati sull'applicazione topica di antibiotici (tetracicline), sotto forma di pomate oftalmiche. Può venire curate anche attraverso somministrazione sistemica (pastiglie o pillole) di tetracicline ed altri antibiotici. Stesso trattamento per un microrganismo simile, "Mycoplasma". Siccome la malattia può essere contagiata agli esseri umani, causando una leggera congiuntivite, è necessario lavare accuratamente le mani dopo aver applicato la pomata al gatto.



Problemi alla tiroide  [vai al sommario]
 
I gatti vanno in genere più soggetti ad un aumento patologico dell'attività tiroidea (ipertiroidismo) che ad una sua diminuzione (ipotiroidismo). Trattamenti terapeutici possibili:

  • somministrazioni periodiche a tempo indeterminato di Tapazol.
  • rimozione chirurgica di parte della ghiandola tiroidea: non strettamente necessaria e spesso sconsigliabile, soprattutto nei gatti anziani. Non dà risultati affidabili e duraturi nel tempo, e rende ugualmente necessaria la somministrazione di Tapazol o, per assurdo, di stimolanti tiroidei per supplire alla limitata attività.
  • irradiazioni di iodio: questo è un trattamento che risolve il problema definitivamente, ma ha lo svantaggio di essere molto costoso, perché è necessario lasciare il gatto nella clinica dove viene praticato il trattamento per l'intera durata della terapia, che può arrivare alle due settimane. Il gatto assorbe e diffonde una certa quantità di radiazioni che deve essere accuratamente monitorata, prima di poter ritornare a casa. Altri gatti eventualmente presenti possono essere una fonte di pericolo per un animale il cui sistema immunitario non sia in perfette condizioni.

 



Episodi di vomito  [vai al sommario]
 
Benché in linea di massima ogni gatto, essendo un carnivoro, ha la possibilità di vomitare senza mostrare troppo disagio o essere malato, la frequenza con la quale gli episodi di vomito ricorrono varia grandemente da animale ad animale: alcuni vomitano quasi regolarmente, altri quasi mai. Va pertanto interpretato come sintomo di qualcosa che non va, ogni cambiamento dalle normali abitudini.

Possibili cause

Variano dalle più innocue alle più serie: sebbene sgradevole, è necessario esaminare accuratamente il materiale rigurgitato per cercare di stabilire sommariamente la natura dell'episodio e la sua relativa gravità.

  • La più comune -e meno preoccupante- causa di vomito, è dovuta all'agglomerarsi di palline di peli nello stomaco, ingerite durante le normali operazioni di pulizia. Se non vengono espulse con gli escrementi, queste matasse vengono vomitate. Osservate il materiale rigurgitato con attenzione, per verificare la presenza di piccole masse grigie molto appiccicate (non importa di che colore sia la pelliccia del gatto). E' possibile ovviare al problema evitando che il gatto possa ingerire una quantità eccessiva di peli, anche quando si tratti di una razza a pelo corto: regolari sedute di spazzolamento possono essere estremamente efficaci. Ogni pelo lasciato sulla spazzola è un pelo in meno dentro lo stomaco. Il vomito dovuto all'espulsione di palline di pelo non modifica in alcun modo il comportamento usuale del gatto, che sia prima che dopo non mostra alcun disagio o cambiamento.
  • Un'altra misura di prevenzione consiste nel somministrare periodicamente nella pappa un cucchiaino di olio minerale, ad esempio vaselina. Non essendo gradita da molti gatti, è possibile sostituirla con Petromalt, un tipo di olio minerale con appetibilizzanti aggiunti, oppure con pezzetti di burro. Se il gatto non vuole assumerla di sua spontanea iniziativa, è possibile sporcargli la zampetta per costringerlo a leccarla (attenzione a non metterla troppo in superficie, o scuotendo la zampa ne getterà via la maggior parte!). Come trattamento iniziale in presenza di ostruzione, somministratelo ogni giorno per un paio di giorni, quindi una volta alla settimana come terapia di mantenimento.

  • Un'altra causa di vomito piuttosto frequente è dovuta a sovraingestione di cibo, o al fatto di mangiare troppo in fretta. Specialmente i croccantini, una volta raggiunto lo stomaco assorbono acqua e si rigonfiano, per cui il gatto ha necessità, nel caso ne abbia ingeriti troppi, di liberarsene. Il materiale rigurgitato ha in genere l'aspetto di un tubo semi-solido di cibo parzialmente digerito.
  • L'allergia a determinati conservanti o aromatizzanti, se non addirittura ad un particolare alimento possono determinare il vomito: scegliete cibo che non contenga conservanti, additivi o aromatizzanti, o cambiate l'usuale alimentazione con una ipoallergenica. In caso di persistenza, è necessario chiamare il veterinario.
  • La presenza di vermi intestinali è un'altra causa, seppure meno frequente, di vomito: un esame delle feci e una visita dal veterinario risolveranno il problema [da non trascurare, perché alcuni parassiti possono causare perforazioni e perdite di sangue nelle pareti intestinali, ndt]
  • Se il materiale rigurgitato è di aspetto chiaro o lattiginoso, può trattarsi di panleukopenia (gastroenterite felina o "distemper"). Essendo una malattia da non trascurare, specialmente se gli episodi di vomito si ripetono nel corso della giornata, è necessario consultare il veterinario.
  • Nella malaugurata ipotesi che il gatto abbia ingerito qualcosa che ostruisce l'apparato digerente, esso cercherà -spesso inutilmente- di liberarsene vomitando: nel caso si trattasse di corde o stringhe, NON tentate di estrarle per nessun motivo: potreste danneggiare le pareti gastriche o intestinali in modo molto grave. Portate immediatamente il gatto dal veterinario.
  • Se il gatto mostra comportamenti inusuali (svogliatezza, rifiuto del cibo) dopo aver vomitato, può essere segno di intossicazione, avvelenamento o malattia in fase di sviluppo: anche in questo caso, è necessario ricorrere al veterinario.
  • Nei gatti anziani, episodi ricorrenti di vomito possono indicare un'iperattività tiroidea o anche una infezione renale: il veterinario potrà stabilirlo attraverso gli esami del sangue.

In sintesi:

I problemi dietetici possono includere:

  • cambio improvviso nell'alimentazione, (ad es, per la necessità di usare cibo dietetico)
  • ingestione di cibi avariati o piante tossiche,
  • eccessiva velocità nel mangiare o eccessiva quantità di cibo ingerito,
  • intolleranza a particolari sostanze presenti nel cibo o agli alimenti stessi,

I problemi con medicinali possono includere:

  • reazioni allergiche e/o anafilattiche a determinati farmaci,
  • sovradosaggio accidentale,

Ingestione di veleni o tossine:

  • piombo, etilenglicole (antigelo), detersivi, diserbanti, fertilizzanti, insetticidi e metalli pesanti,

Disturbi metabolici:

  • diabete mellito,
  • squilibri ormonali o elettrolitici,
  • malattie renali,
  • malattie epatiche,
  • sepsi,
  • acidosi,
  • colpo di sole,

Disturbi gastrici:

  • ostruzione, (corpi estranei, malattie, traumi)
  • parassiti,
  • disturbi digestivi o gastriti,
  • ulcere o polipi,

Disturbi dell'intestino tenue:

  • parassitòsi,
  • enterite e gastroenterite,
  • ostruzioni del lume intestinale,
  • infiammazioni intestinali,
  • infestazioni micotiche,
  • volvolo intestinale,
  • paralisi dell'ileo,

Disturbi dell'intestino crasso:

  • colite,
  • stitichezza,
  • intestino irritabile,

Disturbi addominali:

  • pancreatite,
  • gastrinoma del pancreas,
  • peritonite e FIP,
  • infiammazione epatica,
  • ostruzione dei dotti biliari,
  • steatite,
  • prostatite,
  • pielonefrite,
  • piometra, (infezione dell'utero)
  • ostruzione urinaria,
  • ernia diaframmatica,

Disordini neurologici:

  • dolore, paura, eccitazione, stress,
  • cinetosi, (mal di movimento)
  • lesioni infiammatorie,
  • trauma,
  • epilessia,
  • neoplasie,

Miscellanea:

  • ernia iatale,
  • vermi cardiaci ["Filaria immitis", ndt]

Pulizia delle superfici

Se il gatto vomita sui tappeti, o su altri tessuti, è necessario rimuovere prontamente le tracce del materiale rigurgitato, prima che possano macchiare. Soprattutto i coloranti talora usati nel cibo di poca qualità, lasciano tracce aranciate. In definitiva, meglio investire in cibo di qualità che in smacchiatori, benché questi ultimi, in alcuni casi -ad es. macchie su tappeti o tessuti- possano essere di molto aiuto nel rimuovere tutte le tracce fresche.



 [vai al sommario]

 
PER SAPERNE DI PIU'...
Prendere un gatto Cure generali Comportamento
Il mondo esterno La salute dei gatti Informazioni mediche
Leucemia felina Gatti a tre colori Pulci e zecche
Prevenire problemi con la lettiera Comportamento e aggressività fra gatti Giochi per gatti e come usarli
l'aggressività dei gatti verso le persone Introdurre il nuovo gatto  Problemi con la sabbietta
Come scoraggiare i gatti girovaghi Gatti, graffi e i vostri mobili Piante e gatti
Come allevare dei micetti trovatelli Addomesticare i  gattini selvatici Altre informazioni

RINGRAZIAMENTI

 

 

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede