Dogo argentino: Foto, caratteristiche e prezzo della Razza.

Dogo argentino
foto tratta da wikipedia

La storia del dogo argentino

Il Dogo argentino è una razza creata, con passione, capacità, intuito, dal Dr. Antonio Nores Martinez (medico chirurgo e profondo conoscitore di genetica) nella provincia di Cordoba e continuata dal fratello, Dr. Agustin Nores Martinez (Giurista) dal 1956 a Esquel, nella regione del Chubut (Patagonia), dopo la morte di Antonio, ucciso e derubato durante una battuta di caccia. Selezionato in funzione della caccia al cinghiale e a tutto il selvatico alla sua portata, veniva utilizzato anche contro il puma. Le razze utilizzate sono state dieci,

(perro de pelea cordobes, mastino spagnolo, bull terrier, boxer, pointer, alano arlecchino, dogue de bordeaux, buldog inglese, levriero irlandese, mastino dei pirenei) ma il perro de pelea cordobes è stato il maggior artefice della creazione della razza dogo argentino, le altre nove razze hanno contribuito solo in parte e a volte del tutto marginalmente. Standard che per quasi 70 anni è rimasto tale e quale a quello stilato nel 1928 (a parte qualche aggiunta) quasi fosse una reliquia, tanto che nessuno, fino ad oggi, ha mai osato porre mano, per chiarire alcuni aspetti che risultano, ai meno esperti, ancora poco comprensibili. Il primo profondo conoscitore italiano della razza è stato il professore di Antropologia,

Etnologia e Genetica

Etnologia e Genetica dell’Università di Torino, Dr.Alfredo Sacchetti, che analizzò scientificamente lo stato di stabilità genetica della razza giunta alla 13ma generazione, presso l’Università di Cordoba. Studio scientifico che fece parte della documentazione a corredo per il riconoscimento della razza. (1964) Nei primi anni 70 il dogo apparve in Italia, ma, tenendo conto dei tempi (anni di piombo) e del suo “primo impiego”, entrò sicuramente col “piede sbagliato”.

Per fortuna, in questi ultimissimi anni la situazione è cambiata e le persone che si avvicinano a questa razza non sono più quelle che, del dogo, apprezzavano solo la indomita combattività. Per il cacciatore argentino, il dogo rappresentava tutto: la passione, l’indomito coraggio, la destrezza, la forza, la lotta cruenta, il vivere grandi giornate di caccia, gustando sapori primordiali di rara intensità emotiva. In Italia (e in molti paesi occidentali) il dogo ha trovato altri impieghi, diversi da quelli per cui è stato creato.

Il dogo argentino in generale

Il Dogo argentino è un cane da presa destinato alla caccia grossa, e quindi si cerca di selezionare i soggetti ai massimi limiti della taglia, in quanto una massa inferiore diminuirebbe I ‘efficacia in azione. Il suo aspetto sportivo e muscoloso, e il suo candido mantello, esclusivamente bianco, sono elementi ormai perfettamente fissati. Col suo look da guardia del corpo, rimane tuttavia elegante nelle linee e ben proporzionato.

testa dogo

Carattere

Il fascino ed il rispetto che desta il dogo argentino, in molti casi sono rimasti immutati. Trovare il giusto compromesso tra i vari indirizzi di pensiero sull’utilizzo del dogo (caccia, guardia, difesa, compagnia….), rispettando le motivazioni etico/storiche di chi ha creato la razza e di chi ha vissuto per essa, sarà il banco di prova che unirà o dividerà gli appassionati e allevatori italiani in un prossimo futuro.

Il Club Dogo Argentino Italia sarà il punto di riferimento primario, di tutti gli appassionati di dogo, per impedire che la confusione e la disinformazione sulla razza, che hanno caratterizzato questi ultimi anni, continuino ad imperversare indisturbate in Italia. La confusione e la disinformazione sono stati gli aspetti negativi che hanno spinto molti appassionati a creare anche in Italia il Club di razza per porre freno ad una informazione ad uso e consumo solo dei propri interessi e non della razza.

Caratteristiche

Il cranio è massiccio, di lunghezza equivalente a quella del muso. La testa è quella classica di un cane da presa, sia per la sua potenza da tutti i punti di vista, sia per la forte mascella. Gli occhi sono scuri o color nocciola. Il naso è pigmentato di nero, le orecchie sono alte sulle testa, erette o semi-erette di forma triangolare. Il collo è grosso e ben arcuato, il petto largo e profondo le zampe molto muscolose.

Taglia: lo standard indica un’altezza da 60 a 65 cm al garrese, anche se alcuni soggetti, soprattutto nei Paesi Bassi e nei e paesi dell’est, raggiungono facilmente i 70 cm.
Colori: completamente bianco.
Coda: larga e grossa, non supera il garretto ed è portata pendente.

dogo argentino a terra

Da evitare nel Dogo argentino

  • Tartufo bianco o molto macchiettato di bianco
  • Taglia inferiore ai 60 cm al garrese
  • Occhi di colore diverso o blu
  • Prognatismo
  • Mantello non bianco o con macchie

GLI ALLEVAMENTI CONSIGLIATI DA INSEPARABILE SONO:

Link Sponsorizzati:

Nessun allevamento da segnalare se vuoi sapere come segnalare il tuo, CLICCA QUI

STANDARD

Origine: Repubblica Argentina.

Data di pubblicazione dello standard di origine in vigore: 29.01.1999.

Utilizzo : Cane da caccia grossa.

Classificazione F.C.I. :Gruppo 2Cani di tipo Pinscher
e Schnauzer
Molossoidi, cani da
montagna e Bovari
svizzeri.
Sezioni 2.1Molossoidi, tipo dogo.
Senza prove da lavoro.

PROPORZIONI IMPORTANTI : Essendo un animale di dimensioni medie, nessuno dei tratti si allontana dal quadro generale che è armonioso e ben equilibrato. La testa è ugualmente di proporzioni medie e la lunghezza del muso è identica a quella del cranio. L’altezza al garrese corrisponde a quella della groppa. L’altezza del torace raggiunge il 50% dell’altezza al garrese. La lunghezza scapolo-ischiatica supera del 10% l’altezza al garrese.
REGIONE CRANICA

Cranio : Massiccio, convesso nel senso anteriore-posteriore e trasversale. Le arcate degli zigomi sono molto sporgenti e formano una larga fossa temporale che permette uno sviluppo marcato del muscolo temporale. La protuberanza occipitale svanisce di fronte al grande sviluppo dei muscoli della nuca. Il solco centrale è leggermente marcato.
Stop : Mediamente marcato, trovandosi nel luogo di transizione tra la leggera concavità del muso e la convessità del cranio. Visto di profilo esso è ben definito grazie alla prominenza delle arcate sopracciliari.
COLLO : Di lunghezza media, forte e dritto, ha una buona muscolatura e presenta di profilo una linea superiore leggermente convessa. Ha la forma di un cono tronco. All’attaccatura con la testa, la muscolatura forma una piegatura che nasconde tutte le sporgenze ossee di questa regione; si unisce armoniosamente con il torace formando una larga uscita d’incollatura. È coperto da una pelle elastica e spessa che può scivolare liberamente sui tessuti sottocutanei che sono un po’ più lassi che nel resto del corpo. Alla gola presenta delle pieghe non pendenti e lisce; questa caratteristica è fondamentale in vista delle attitudini funzionali del cane. Il pelo di questa regione è un po’ più lungo rispetto al resto del corpo.
CORPO : La lunghezza del corpo, misurata dalla punta della spalla alla punta della natica, supera di circa il 10% l’altezza al garrese.

Linea superiore : Orizzontale. Il garrese e la punta dell’anca sono alla stessa altezza; essi sono i due punti più rilevati.
Garrese : Ampio e ben rilevato.
Dorso : Largo e vigoroso, con un importante sviluppo muscolare che crea una leggera inclinazione in direzione della regione lombare.
Regione lombare : Solida e dissimulata dallo sviluppo della muscolatura lombare che forma un solco mediano lungo la colonna vertebrale. Essa è un po’ più corta del dorso e risale leggermente verso la groppa. Lo sviluppo muscolare nell’insieme delle regioni che formano la linea superiore disegna un profilo che appare talvolta avvallato, ma è una falsa impressione, e lo sviluppo completo della muscolatura dorsale e vertebrale nei cani adulti crea lo stesso effetto.

Groppa : Di lunghezza media, larga e muscolosa, le estremità dell’anca e della tuberosità dell’ischio sono appena visibili. La sua larghezza è uguale o un po’ al di sotto di quella della gabbia toracica. Essa forma in rapporto all’orizzontale un angolo di circa 30°, il che determina un superiore leggermente inclinato fino all’attaccatura della coda.

Petto : Largo e ben disceso; la punta dello sterno si trova alla stessa altezza della punta della spalla (articolazione scapolo-omerale) e la linea inferiore del torace è a livello dei gomiti. Il petto è spazioso per offrire largo spazio ai polmoni. Le costole sono lunghe moderatamente curvate e si congiungono con lo sterno al livello della linea del gomito.
Ventre : Un po’ rialzato in rapporto alla linea inferiore del torace, ma mai levrettato; vigoroso; i muscoli dei fianchi e del ventre presentano lo stesso buon tono.
Coda : Attaccata ad altezza media, essa forma un angolo di 45° con la linea superiore. A forma di sciabola, spessa e lunga, raggiunge i garretti senza superarli. A riposo essa è naturalmente cadente. In azione, è portata un po’ piu alta della linea superiore e batte continuamente da sinistra a destra. Al trotto, è portata alla stessa altezza o un po’ più alta.
ARTI
Arti anteriori : Nell’insieme presentano un tutto muscoloso ed osseo saldo e vigoroso ben proporzionato alla taglia del soggetto. Visti di fronte e di profilo, gli anteriori sono dritti e paralleli.
Spalle : Alte e ben proporzionate. Esse sono molto robuste, con una buona muscolatura in rilievo, ma senza esagerazione. L’obliquità della scapola rispetto all’orizzontale è di 45°.
Braccio : Di lunghezza media e ben proporzionato all’insieme. È vigoroso, dotato di una importante muscolatura e forma un angolo di 45° rispetto all’orizzontale.

Gomiti : Robusti, ricoperti da una pelle un po’ più spessa ed elastica che non forma né pieghe né rughe. Posizionati naturalmente contro la parete toracica alla quale sembrano appartenere.
Avambraccio : Della stessa lunghezza del braccio e perpendicolare rispetto all’orizzontale; le sue ossa sono robuste e dritte e la muscolatura è ben sviluppata.
Carpo : Largo, situato nel prolungamento dell’avambraccio esente da escrescenze ossee o da pieghe cutanee.
Metacarpo : Leggermente appiattito, è dotato di una buona ossatura e presenta una obliquità di 70-75° rispetto all’orizzontale.
Piedi anteriori : Arrotondati, con dita corte, solide e ben strette. I cuscinetti duri e carnosi sono ricoperti da una pelle nera e rugosa al tatto.
ARTI POSTERIORI : Le angolazioni sono medie. Nel loro insieme, i posteriori sono forti, solidi e paralleli; danno l’impressione della grande potenza che la loro funzione esige, poiché gli arti posteriori devono assicurare un impulso sufficiente e determinare il portamento tipico del cane.
Coscia : Di lunghezza ben proporzionata all’insieme, vigorosa, con muscoli visibili pienamente sviluppati. L’articolazione dell’anca forma un angolo di 100°.

Ginocchio : Situato sullo stesso asse dell’arto. L’angolo femoro-tibiale è di circa 110°.
Gamba: Leggermente più corta della coscia, robusta, prolunga il buon sviluppo muscolare dell’arto.
Articolazione del garretto e garretto : L’insieme tarso-metatarso è corto, robusto e solido; assicura la forza di propulsione del treno posteriore. L’articolazione del garretto è solida e forma un angolo di circa 140°; la punta del garretto è ben visibile. Il garretto è saldo, quasi cilindrico e forma un angolo di 90° rispetto all’orizzontale. Se esistono gli speroni, devono essere eliminati.
Piedi posteriori : Simili ai piedi anteriori; benché siano un po’ più piccoli e leggermente più lunghi, ne hanno la stessa conformazione.
ANDATURA : Agile e sciolta. Non appena l’interesse del cane viene risvegliato, l’andatura cambia notevolmente carattere; si rialza e le reazioni diventano rapide, il che è tipico della razza. Il passo è calmo; il trotto è allungato con una buona estensione degli anteriori e una spinta possente dei posteriori; al galoppo, il cane mostra tutta la sua energia e sviluppa tutta la sua potenza. Le impronte dei quattro piedi sono parallele. I cani che camminano all’ambio non sono ammessi; questa andatura è considerata un difetto grave.
PELLE : Omogenea, un po’ spessa, ma liscia ed elastica. Bene applicata al corpo, è abbastanza mobile grazie alla struttura semi-tesa dei tessuti sottocutanei; non forma pieghe notevoli, salvo nella regione del collo dove i tessuti sottocutanei sono più lenti. Deve essere meno pigmentata possibile, anche se con gli anni la pigmentazione aumenta. Una pelle esageratamente pigmentata non è ammessa. Si preferiscono i soggetti nei quali i bordi delle mucose labiali e palpebrali sono pigmentati di nero.
MANTELLO
PELO: Uniformemente corto, liscio, e piacevole al tatto, di una lunghezza approssimativa da 1,5 a 2 cm. La densità e lo spessore variano secondo il clima. In un clima tropicale, il pelo, più sottile e rarefatto, lascia trasparire le regioni pigmentate, il che non è un motivo di penalizzazione. In un clima freddo, il pelo è più spesso e fitto; la presenza di sottopelo è allora possibile.
COLORE: Di un bianco puro. Attorno agli occhi si accetta una macchia nera o di colore scura; questa macchia non deve superare il 10% della superficie della testa. Tra i soggetti di pari qualità, il giudice dovrà optare per quello il cui bianco è più puro.
cucciolo dogo  argentino naso rosa

DIFETTI : Ogni scarto in rapporto a ciò che precede deve essere considerato un difetto e verrà penalizzato in funzione della sua gravità.

  • Sviluppo osseo e muscolare insufficiente (debolezza).
  • Tartufo non sufficientemente pigmentato.
  • Labbra pendule.
  • Denti piccoli, mal sviluppati o cariati. Dentatura incompleta.
  • Occhi troppo chiari. Entropion o ectropion.
  • Torace a botte o carenato.
  • Costole piatte.
  • Angolatura esagerata dell’arto posteriore.
  • Garretto troppo lungo.
  • Andatura atipica.
  • Pigmentazione esagerata della pelle nei soggetti giovani.
  • Presenza di piccole zone di pelo colorato.
  • Nervosismo, squilibrio nervoso.

DIFETTI ELIMINATORI :

  • Tartufo depigmentato.
  • Prognatismo superiore o inferiore.
  • Occhi blu o di colore diverso (eterocromia).
  • Sordità.
  • Pelo lungo.
  • Piu di una macchia di colore sulla testa. Macchie di colore sul corpo.
  • Altezza inferiore a 60 cm e superiore a 68 cm.
  • Aggressività.

N.B. I maschi devono avere i due testicoli di aspetto normale completamente discesi nello scroto.

Prezzo

Il costo per un molossoide di questa razza è di 1000 – 1500 euro,

Guarda il Video Del Dogo argentino

Please follow and like us: