TUTTE LE RAZZE

Ti piace questa pagina? Consigliala!

IL LUPO ITALIANO

IL LUPO ITALIANO

LA STORIA
Capostipite della razza può essere considerato un cucciolo maschio (Zorro) nato nel 1966 dall'incrocio di un pastore tedesco con una delle ultime lupe selvatiche provenienti dall'Appennino dell'alto Lazio. A partire dal fortunato incrocio furono fissate le caratteristiche intermedie cosicché oggi nella razza coesistono armonicamente le qualità domestiche del cane accanto alle superiori caratteristiche fisiche e comportamentali del lupo.

 Allevata senza fini di lucro dall'ETLI (Ente per la Tutela del Lupo Italiano), a partire dal 1988  la razza, su decreto del Presidente della Repubblica, è protetta da una normativa di Stato che, per motivi di conservazione genetica, ne vieta la commercializzazione e la riproduzione al di fuori dell'Ente stesso.

Utilizzato in numero consistente per compiti di soccorso dal Gruppo Cinofilo del Corpo Forestale dello Stato, guardia del corpo del noto ufficiale delle "teste di cuoio" Ultimo, impegnato con successo nella ricerca di droga ed esplosivi, il lupo italiano rischia l'estinzione per l'assoluta mancanza di fondi. Infatti al decreto presidenziale che ne ha vietata la vendita non sono seguiti provvedimenti economici concreti e la sopravvivenza della razza, che oggi conta circa 650 esemplari, è affidata quasi esclusivamente a finanziamenti privati.

Da alcuni anni questa difficoltà a sostenere l'allevamento del lupo italiano ha condotto l'ETLI a cedere sempre più spesso esemplari in affidamento gratuito (secondo un protocollo ufficiale) presso enti, associazioni o persone che si impegnino ad utilizzarli per scopi di interesse pubblico (come in compiti di soccorso sotto valanghe o macerie, ricerca di persone disperse, antibracconaggio, pet therapy, sport, ecc.).

IL LUPO ITALIANO

DALLA MIA ESPERIENZA. - Parla la Sig.ra Maura Bocci (PG))
Si tratta di un cane intelligente, prudente ed equilibrato, dedito incondizionatamente al padrone-capobranco, accanto a cui si muove come un'ombra. Vivace e docile, in mani affettuose ed esperte da risultati eccezionali in qualsiasi forma di addestramento. Invece, se trascurato e lasciato a se stesso (soprattutto se privato di legami affettivi) può accadere che il lato selvatico dell'ibrido-lupo abbia in lui il sopravvento. Si dice di lui che "obbedisce per convinzione, non per servilismo". Condivido questa affermazione.

Agile, potente, veloce e instancabile, è una cane che necessita di molto movimento. L'eleganza innata della sua corsa e delle sue acrobazie renderà una passeggiata in libertà un vero spettacolo della natura. Perfino da adulto mantiene un'elevata attitudine al gioco, requisito importante in soggetti destinati all'addestramento.

Nonostante le sue esigenze di moto, sa adattarsi bene anche alla vita in appartamento, ai bambini e agli altri animali.

IL LUPO ITALIANO

GLI ALLEVAMENTI CONSIGLIATI DA INSEPARABILE SONO:

Nessun allevamento da segnalare 
se vuoi sapere come segnalare il tuo, CLICCA QUI

LO STANDARD

Origine:

Il lupo Italiano si ricollega geneticamente al lupo selvatico e più propriamente alla variante oggi scomparsa dall'alto Lazio, la quale si differenziava sensibilmente da altre tipologie.

Aspetto Generale:

Nel suo aspetto, nei suoi movimenti, nel modo in cui osserva e presta attenzione il Lupo Italiano deve mostrare nelle sue linee e nei suoi atteggiamenti un'inconfondibile eleganza nobile e selvaggia.

Caratteristiche psichiche:

Animale estremamente vivace, dotato di un carattere indipendente e fiero, con notevole propensione all'apprendimento, affettuosissimo con l'uomo a cui si attacca in modo esclusivo, con uno spiccato senso della proprietà e della difesa delle persone che gli sono affidate, insuperabile nell'avvistamento.

Impiego:

Particolarmente adatto al soccorso in montagna, antivalanga e anticatastrofe, con gran resistenza agli agenti atmosferici,alla fame e alla sete.
Non soggetto alle congiuntiviti da riverbero sulla neve.

Grande fiuto, idoneo alla ricerca sia di persone, sia di animali feriti, di grande utilità quindi per le guardie forestali, per i guardaparco e per i guardiacaccia.

Addestrabile a tutti i compiti di cane da polizia.

Utile in agricoltura e pastorizia per la difesa del gregge e della mandria dai furti e dagli animali predatori, sfruttando il suo innato senso del territorio.

Taglia:

Maschi da 60 a 70 cm
Femmine da 58 a 65 cm

Testa:

IL LUPO ITALIANO

Asciutta e ben modellata, più importante nel maschio; muso tipico del lupo, affinato moderatamente verso la punta; lunghezza della canna nasale (dallo stop alla punta del tartufo) leggermente inferiore allla lunghezza del cranio; mascella e mandibole forti; dentatura a forbice, bianchissima e potente; tartufo, labra, rime palpebrali neri; orecchie medie, portate prettissime e perfettamente parallele quando l'attenzione è desta, mobilissime secondo gli umori e i movimenti dell'animale; occhi di media grandezza, piuttosto obliqui, non sporgenti, mai troppo scuri, preferibilmente a fondo dorato; espressione intensa e leale; la testa tipica è inconfondibile.

Tronco:

Robusto, non troppo lungo,  torace ben disceso, ben costruito, formante un profilo sinuoso e particolarmente armonioso tra le linee della gola, del petto, dello sterno e del ventre; linea dorso-lombare diritta; groppa non troppo bassa.

Arti:

Perfettamente appiombati, robustissimi ma asciutti, non devono dare per nulla l'impressione di eccessiva pesantezza; non troppo angolati i posteriori; l'andatura è sciolta e leggera; l'animale anche della massima taglia e peso, deve dare sia nel passo che nel trotto e nel galoppo, che è serrato e veloce, un'impressione di forza elegante, richiamando l'andatura del lupo selvaggio; caratteristica la posizione allineata delle orme quando il trotto è veloce; piede ovale.

L'insieme del tronco e degli arti mette in evidenza la scioltezza e la potenza delle articolazioni e delle inserzioni con risultati di grande funzionalità a livello dei movimenti della spalla e dell'anca, La forza d'urto è eccezionale.

Manto:

Grigio, variante segnato, più o meno scuro con fondo a sfumature diversi da soggetto a soggetto sino al fulvo o beige; anche con sella scura; gorgiera ben delineata; ventre, arti, specie nella parte inferiore, interno e posteriore delle cosce più chiari: grigio o grigio ruggine, fulvo chiaro o beige; frequenti la punta del muso e coda nero o grigio più scuro e nei soggetti grigi sottolineature scure degli arti; ammesso anche il mantello nero uniforme; in ogni tipo di manto è ammessa una piccola macchia bianca al petto; il mantello non è definitivo fino a che lo sviluppo del soggetto non è compiuto; inoltre, le variazioni stagionali sono correnti.

Pelo:

di lunghezza e durezza medie, liscio o alquanto mosso limitatamente al tronco e alle cosce, più fine e corto su testa e arti, con folto sottopelo nei soggetti che vivono all'aperto.

Coda:

Piuttosto lunga e ben fornita, ma senza esagerazioni; tenuta basa e pendente in riposo  e all'erta, si eleva con curva armoniosa e non eccessiva quando l'animale è in agitazione, senza che il suo asse principale raggiunga mai la verticale; deve essere portata in modo aggraziato e sciolto.

Tolleranze:

La mancanza di 2 premolari; un modesto uncino all'estremità della coda.

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO INSEPARABILE CONSIGLIA:

LIBRI  

Da lupo a cane - breve viaggio nell'etologia L'Enciclopedia Internazionale dei Cani - storia, caratteristiche, consigli e tutte le razze Il lupo IL LUPO il leggendario cacciatore dei territori selvaggi

DVD

IL LINGUAGGIO DEL CANE - DVD  QUAL'E' IL CANE PER TE? - DVD


Guarda un video del cane lupo Italiano

 

  .Forum
  .Pubbicizzati
  .CONCORSI  
  .Pet shop
 

 

google

cani
gatti
piccoli mammiferi
uccelli
rettili
anfibi
pesci
del cortile e della stalla
Piante, Alberi, Arbusti

Autore: Manuel Battafarano

. DISCLAIMER  . PUBBLICIZZATI SU INSEPARABILE
Copyright Inseparabile 18/12/2000 - 2014 contact info@inseparabile.com