Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 43

Discussione: Come accudire un pullus granivoro (passero)

  1. #21
    Senior Member

    User Info Menu

    Evviva Mecio!!!
    Sono contentissima!!! Certo, viziatello anche lui [:I], hihihi, il ristorante e' di gran lusso! Vi sara' sempre grato
    La frutta e la verdura vanno servite sempre crude, l'importante e' che siano spezzettate, magari e' un po' piccino ancora. Hai trovato le camole della farina?
    Allego una foto di Tina, mentre poltrisce sul letto!

    Immagine:

    382,02*KB
    bella

  2. #22
    Junior Member

    User Info Menu

    Oggi ancora piu' vispo: e' evaso e si e' fatto un gran giro ad alta quota nella sua stanza, mentre noi ci affannavamo a rincorrerlo! Che scene, ragazzi!

    Non lo sapevi? Il nostro ristorante ha 4 forchette sulla guida del Gambero Rosso... pardon: dal Passero Rosso!

    Ok, spezzetteremo frutta e verdura. Per ora abbiamo provato ad appendergli una ciliegia alla rete frontale (vedi la foto sotto), ma non l'ha degnata; allora, lasciandola appesa, ne abbiamo tagliato via un pezzettino, in modo da scoprire la polpa (in pratica, l'abbiamo sbucciata): niente da fare.
    Dopo un po' l'abbiamo tolta, ed abbiamo appeso una spiga di panico (nella foto la vedi sulla rete in basso a sinistra), ma non ha toccato neppure questa.
    Il suo pastone continua pero' a beccarlo, tanto che stavamo pensando di non imbeccarlo prima delle nanne.
    Domani suo il menu prevede: schiacciatina di piselli novelli, nespole del giappone e ciliegia (oltre a panico, misto canarini e briciole di biscotto; tutte cose sempre a sua disposizione).
    Speriamo si decida presto ad assaggiare i semi...

    Niente da fare per le camole: avevamo dimenticato che oggi e' giorno festivo e i negozi sono chiusi.

    Ma tu guarda cha poltrona! Tu non la vizi: la stravizi! [:12]

    Ecco un paio di foto fatte al volo della sua casetta: adesso ha una parete (o meglio: una pa-rete) nuova, e molta piu' luce.
    Immagine:

    129,21 KB Immagine:

    148,21 KB
    Quell'ammasso di pelo che si vede sullo sfondo e' il nostro Roy, che con Mecio si farebbe volentieri un pranzetto... dove Mecio pero' sarebbe il piatto del giorno! [:81]

    Adesso andiamo a fare qualche prova di volo.

    A presto.


    -R & M-
    <font color=\"purple\"><i><font size=\"1\">Non sono io che sbaglio, e\' la realta\' ad essere inesatta</font id=\"size1\"></i></font id=\"purple\">

  3. #23
    Junior Member

    User Info Menu

    La notizia del giorno e': [:17]mangia da solo anche i semi![:17]
    Oramai sono 3 giorni che troviamo sempre piu' bucce dei semi sul fondo della scatola, e non c'e' dubbio che li mangi: pare preferisca scagliola e panico, e a seguire il ravizzone.

    A questo punto ci stiamo regolando cosi':
    - sempre a sua disposizione: 2 spighette di panico e una ciliegia (che ogni tanto cambiamo), tutto incastrato sulla rete laterale; il "piattino" con un tappo pieno d'acqua, 1 tappo pieno di misto canarini e panico, 1 tappo con briciole di biscotto secco;
    - verso le 7 - 7,30: 1 tappo con 3 ml. di pastoncino (ne mangia circa 1,5 - 2 ml.);
    - verso le 10 - 10,30: puliamo la scatola, togliamo il tappo del pastone e gli mettiamo: 1 tappo con albicocca e nespola a pezzetti, 1 tappo con ciliegia a pezzettini, 1 tappo con piselli tagliati a pezzettini da un quarto (!); poi rispargiamo sul fondo della scatola un po' di misto canarini e semi di panico;
    - verso le 12 - 12,30: togliamo frutta e piselli e spargiamo un altro po' di semi;
    - verso le 17 - 17,30: 1 tappo con 3 ml. di pastoncino (ne mangia poco: circa 0,5 - 1 ml.);
    - verso le 20 - 20,30: puliamo la scatola, togliamo il tappo del pastone e spargiamo sul fondo un po' di semi;
    - verso le 22 - 22,30: imbeccata con 1 - 1,5 ml. di pastone.

    Ebbene, ad ogni "tappa" troviamo molte bucce di semi, e ci sembra abbastanza chiaro che comincia a gradirli sempre di piu': conferma ne e' il fatto che mangia sempre meno pastone, pur restando vispo e svolazzante. Inoltre va a cercare i semi anche nel tappo.
    Stavamo pertanto pensando di eliminare (o almeno ridurre) l'imbeccata serale.
    Che ne pensate?

    Altre notizie:
    * Per ora non ha ancora toccato le briciole di biscotto, la frutta e i piselli, per cui il pastone lo arricchiamo con: mela o albicocca grattugiata, poca farina mista (di biscotti, di fette biscottate integrali e bianca 0), una decina di piselli schiacciati e omogeneizzato di manzo.

    * Nel volo pare che migliori, ma certo che il poco tempo che possiamo dedicare alle sue prove di volo non aiuta...
    Cercheremo di trovare piu' tempo.

    * Come ci hanno consigliato, gli abbiamo fornito due posatoi supplementari, realizzando questo "capolavoro":
    Immagine:

    29,67 KBImmagine:

    17,8 KB
    La scatola e' alta 60 cm., larga 50 cm., lunga 60 cm., e i posatoi sono a 45 cm. (il piu' sottile), a 10 cm. (il piu' basso, a sezione quadrata) e a 50 cm. (il piu' spesso) dal fondo.
    I due piu' alti sono a circa 5 cm. dalla parete.
    I posatoi sono fatti con rametti secchi (raccolti da terra) di alberi dei dintorni, lavati in acqua ed asciugati per bene.
    Qualche suggerimento?


    -R & M-
    <font color=\"purple\"><i><font size=\"1\">Non sono io che sbaglio, e\' la realta\' ad essere inesatta</font id=\"size1\"></i></font id=\"purple\">

  4. #24
    Senior Member

    User Info Menu

    Ciao Sbrocca,
    ancora complimenti per come state allevando Mecio
    E' sempre un miracolo quando un passero sopravvive! E' frutto di tanto impegno e voi ne state mettendo un sacco! Sono contenta che il piccoletto stia diventando piu' autonomo! Per l'imbeccata serale, se lui la gradisce senza troppi sforzi, io continuerei a darla. Proprio ieri ho visto una mamma passerotta che imbeccava i suoi figlioletti che erano ormai quasi quanto lei di dimensioni e mangiavano anche qualcosina da soli. Cosi', fino al mattino, siete tranquilli che Mecio ha la pancia piena
    Quanto al volo, anche se in ritardo, imparera'!
    bella

  5. #25
    Senior Member

    User Info Menu

    Ciao Sbrocca, complimenti per l'impegno e la dedizione che ci state mettendo per tirare su il piccoletto.

    Si tratta di un passerotto (e questo lo sapete già) ma non appartiene alla stessa specie di Tina.
    Quest'ultima é un passero domestico (Passer domesticus). Mecio invece é un passero mattugio (Passer montanus) e si differenzia dal primo per una serie di caratteristiche:
    é leggermente piu' piccolo, non presenta dimorfismo sessuale, è meno "cittadino" del primo e decisamente piu' insettivoro rispetto al Passer domesticus.
    Se fossi piu\' simpatico sarei meno antipatico.

  6. #26
    Junior Member

    User Info Menu

    Rieccoci qui dopo un po' di giorni di assenza forzata dovuta ad una serie di impegni.

    Prima di tutto, ciao Sole e grazie dell'incoraggiamento: in effetti, curare Mecio e' un notevole impegno, ma ci sembra il minimo prendersi bene cura di chi hai fatto (forzatamente) entrare in casa tua.

    Diamo conto della situzione dicendo subito che Mecio progredisce, seppur lentamente.
    Piu' in dettaglio:

    Cibo:
    Ormai, visto che mangia regolarmente i semi (e' particolarmente ghiotto di panico...), gli lasciamo il pastone una o due volte al giorno: ne mangia solo un po'.
    Non siamo riusciti a trovare le camole al negozio di pesca di un paese qui vicino (vicino si fa per dire: mezz'ora di macchina...): speriamo di avere il tempo di arrivare ad un altro paese per cercare 'ste benedette camole.
    Comunque, abbiamo trovato dei vermetti nella sabbia sul fondo di un torrente qui vicino; solo che non li tocca.[:181]
    Ne' tocca la frutta e verdura che gli abbiamo proposto (ciliegie, albicocche, nespole, piselli); domani vorremmo provare con le fragole.

    Alloggio:
    Abbiamo "attrezzato" la sua stanza per potergli lasciare piu' spazio per le sue prove di volo: purtroppo, la stanza in questione e' piena di cose pericolose, per cui abbiamo deciso di coprire tutto con dei teli di plastica trasparente attaccati col nastro tutto intorno alle pareti.
    E' stato un lavoraccio, ma era necessario, perche' deve potersi fare i muscoli col volo libero.
    Per cui questo fine settimana ci siamo armati di coraggio, teli di plastica trasparente e nastro di carta adesiva e via: abbiamo ammassato tutte le cose presenti (lettino, armadio, scrivania, mobiletti) e le abbiamo ricoperte coi teli; poi abbiamo imbottito tutti gli spigoli ed eliminato i possibili pericoli (tipo anse fatte dai teli, in cui potrebbe infilarsi e soffocare); infine abbiamo ricoperte tutte le pareti con i teli (a scanso "bombardamenti"; senno' poi chi lo sente, il padrone di casa!) e messo un po' di rametti in giro a mo' di posatoi (perfino sul lampadario): 'na faticaccia! [:86]
    Il risultato e' stato questo:
    Immagine:

    115,56 KB Immagine:

    91,74 KB
    Con oggi sono 2 giorni che passa qualche ora fuori dalla sua scatola-gabbia.
    La notte lo rimettiamo nella sua scatola chiusa, ma stiamo meditando di lasciargliela sempre aperta.
    Il fatto e' che temiamo che, nonostante tutte le accortezze, possa andarsi ad infilare in qualche situazione pericolosa, e che nel sonno potremmo non sentirlo.[:77]

    Volo:
    Ieri non e' che si sia mosso molto: tendeva a mettersi negli angoli a terra e restare li': dovevamo "disturbarlo" andando verso di lui per convincerlo a volare.
    Oggi e' andata un po' meglio: comincia a prendere confidenza con le nuove dimensioni dell'ambiente, anche se tende a restarsene nella sua scatola (che gli lasciamo aperta) o a mettersi negli angoli della stanza.
    All'incirca ogni una/due ore siamo entrati a vedere che combinava, e lo abbiamo trovato quasi sempre nella sua scatola; una volta lo abbiamo trovato su uno dei posatoi.
    Ancora dobbiamo disturbarlo un po' per farlo volare (stando attenti a non stressarlo, e' ovvio).

    Il suo volo e' ancora acerbo, ed e' chiaro che i muscoli non si sono ancora ben formati: non ha ancora una gran resistenza, e quando si stacca da terra deve far frullare molto le ali, per alzarsi.
    Anche gli atterraggi sono ancora abbastanza incerti.[:26]
    Comunque migliora, e gia' oggi sembra piu' forte di ieri.
    Migliora anche nello schivare gli ostacoli, e, poiche' giustamente rimane diffidente nei nostri confronti (cerchiamo di stare con lui il minimo indispensabile per evitare l'imprinting), prenderlo diventa sempre piu' difficile.

    Altre news:
    E' ormai qualche giorno che se la cinguetta allegramente, ed e' un piacere ascoltarlo. [:18]
    Se lo confrontiamo con le sue prime foto (v. il primo post), ci pare evidente che sia cresciuto, ed e' altrettanto chiaro che stia maturando, anche se piu' lentamente di quanto pensassimo.
    Crediamo comunque che il momento della liberta' si stia avvicinando, e non vediamo l'ora di restituirlo ai suoi simili, sperando di tutto cuore che si ambienti presto e bene alla vita in natura.

    Prossimamente torneremo per chiedere consiglio in merito al posto dove liberarlo, visto che abbiamo qualche dubbio.

    Ciao.


    -R & M-
    <font color=\"purple\"><i><font size=\"1\">Non sono io che sbaglio, e\' la realta\' ad essere inesatta</font id=\"size1\"></i></font id=\"purple\">

  7. #27
    Junior Member

    User Info Menu

    Rieccoci qui dopo un po' di giorni di assenza forzata dovuta ad una serie di impegni.

    Prima di tutto, ciao Sole e grazie dell'incoraggiamento: in effetti, curare Mecio e' un notevole impegno, ma ci sembra il minimo prendersi bene cura di chi hai fatto (forzatamente) entrare in casa tua.

    Diamo conto della situzione dicendo subito che Mecio progredisce, seppur lentamente.
    Piu' in dettaglio:

    Cibo:
    Ormai, visto che mangia regolarmente i semi (e' particolarmente ghiotto di panico...), gli lasciamo il pastone una o due volte al giorno: ne mangia solo un po'.
    Non siamo riusciti a trovare le camole al negozio di pesca di un paese qui vicino (vicino si fa per dire: mezz'ora di macchina...): speriamo di avere il tempo di arrivare ad un altro paese per cercare 'ste benedette camole.
    Comunque, abbiamo trovato dei vermetti nella sabbia sul fondo di un torrente qui vicino; solo che non li tocca.[:181]
    Ne' tocca la frutta e verdura che gli abbiamo proposto (ciliegie, albicocche, nespole, piselli); domani vorremmo provare con le fragole.

    Alloggio:
    Abbiamo "attrezzato" la sua stanza per potergli lasciare piu' spazio per le sue prove di volo: purtroppo, la stanza in questione e' piena di cose pericolose, per cui abbiamo deciso di coprire tutto con dei teli di plastica trasparente attaccati col nastro tutto intorno alle pareti.
    E' stato un lavoraccio, ma era necessario, perche' deve potersi fare i muscoli col volo libero.
    Per cui questo fine settimana ci siamo armati di coraggio, teli di plastica trasparente e nastro di carta adesiva e via: abbiamo ammassato tutte le cose presenti (lettino, armadio, scrivania, mobiletti) e le abbiamo ricoperte coi teli; poi abbiamo imbottito tutti gli spigoli ed eliminato i possibili pericoli (tipo anse fatte dai teli, in cui potrebbe infilarsi e soffocare); infine abbiamo ricoperte tutte le pareti con i teli (a scanso "bombardamenti"; senno' poi chi lo sente, il padrone di casa!) e messo un po' di rametti in giro a mo' di posatoi (perfino sul lampadario): 'na faticaccia! [:86]
    Il risultato e' stato questo:
    Immagine:

    115,56 KB Immagine:

    91,74 KB
    Con oggi sono 2 giorni che passa qualche ora fuori dalla sua scatola-gabbia.
    La notte lo rimettiamo nella sua scatola chiusa, ma stiamo meditando di lasciargliela sempre aperta.
    Il fatto e' che temiamo che, nonostante tutte le accortezze, possa andarsi ad infilare in qualche situazione pericolosa, e che nel sonno potremmo non sentirlo.[:77]

    Volo:
    Ieri non e' che si sia mosso molto: tendeva a mettersi negli angoli a terra e restare li': dovevamo "disturbarlo" andando verso di lui per convincerlo a volare.
    Oggi e' andata un po' meglio: comincia a prendere confidenza con le nuove dimensioni dell'ambiente, anche se tende a restarsene nella sua scatola (che gli lasciamo aperta) o a mettersi negli angoli della stanza.
    All'incirca ogni una/due ore siamo entrati a vedere che combinava, e lo abbiamo trovato quasi sempre nella sua scatola; una volta lo abbiamo trovato su uno dei posatoi.
    Ancora dobbiamo disturbarlo un po' per farlo volare (stando attenti a non stressarlo, e' ovvio).

    Il suo volo e' ancora acerbo, ed e' chiaro che i muscoli non si sono ancora ben formati: non ha ancora una gran resistenza, e quando si stacca da terra deve far frullare molto le ali, per alzarsi.
    Anche gli atterraggi sono ancora abbastanza incerti.[:26]
    Comunque migliora, e gia' oggi sembra piu' forte di ieri.
    Migliora anche nello schivare gli ostacoli, e, poiche' giustamente rimane diffidente nei nostri confronti (cerchiamo di stare con lui il minimo indispensabile per evitare l'imprinting), prenderlo diventa sempre piu' difficile.

    Altre news:
    E' ormai qualche giorno che se la cinguetta allegramente, ed e' un piacere ascoltarlo. [:18]
    Se lo confrontiamo con le sue prime foto (v. il primo post), ci pare evidente che sia cresciuto, ed e' altrettanto chiaro che stia maturando, anche se piu' lentamente di quanto pensassimo.
    Crediamo comunque che il momento della liberta' si stia avvicinando, e non vediamo l'ora di restituirlo ai suoi simili, sperando di tutto cuore che si ambienti presto e bene alla vita in natura.

    Prossimamente torneremo per chiedere consiglio in merito al posto dove liberarlo, visto che abbiamo qualche dubbio.

    Ciao.


    -R & M-
    <font color=\"purple\"><i><font size=\"1\">Non sono io che sbaglio, e\' la realta\' ad essere inesatta</font id=\"size1\"></i></font id=\"purple\">

  8. #28
    Senior Member

    User Info Menu

    Ciao Sbrocca!
    Certo, nn posso nn affermare che siete davvero inventivi!!! Caspita, che progetto avete realizzato! Bene il nn passare troppo tempo con Mecio per evitare l'imprinting. Vedrai che imparera' a volare.
    Visto come e' ghiotto di panico ? Eppure nn sa di niente, l'ho assaggiato...mha, valli a capire i gusti!
    Quanto al posto per liberare Mecio, perche' nn lo fai direttamente dal tuo balcone, se nn abiti ad un piano alto? Potresti lasciargli a disposizione cibo e acqua. Tieni conto che nessuno ha insegnato a Mecio a procurarsi cibo, magari gli ci vorra' tempo. Da me e' tornata spessissimo una passerottina che ho liberato, perche' aveva cibo e acqua nella gabbietta senza porte che ho in giardino. Anche se nn imprintati, i passeri stanno volentieri liddove hanno cibo e acqua. Pensateci.
    Si sono sviluppate le piume della coda?
    Ciao
    Bella
    bella

  9. #29
    Junior Member

    User Info Menu

    Ciao bella!
    Si', da piccolo io volevo fare (tra l'altro) l'ingegnere: non ti dico le cose che ho smontato (meglio: distrutto) per vedere come funzionavano!

    E' vero, il panico non sa di niente (anche noi l'abbiamo assaggiato ), ma i gusti son gusti...

    Per il posto della liberazione, abbiamo molti dubbi: noi abitiamo in un paesino di 7.000 anime (Camerino, MC), che e' un comune collinare circondato dal verde delle colline e dei campi marchigiani.
    Ora l'idea di liberarlo dal balcone di casa sarebbe buona: si affaccia sulla stessa via dove lo abbiamo trovato, e gli potremmo lasciare la scatola-gabbia a disposizione; in piu', spesso li' vengono i suoi simili (non sapremmo se mattugia o altro, ma tant'e') e non solo, purtroppo!
    Infatti il problema e' che ci vengono anche parecchi piccioni e corvi, nonche' - anche se meno spesso - le gazze e le temibili cornacchie grigie (che adorano i passeri... come spuntino! [V]).
    Tra l'altro, potremmo scommettere che i semi lasciati all'aperto non resterebbero a lungo, visto il traffico di volatili...
    Infine, anche se molto poche, in quella via (via Ugo Betti) passano le macchine, e ne passano ben di piu' nella parallela (via Favorino, che e' la via piu' trafficata di Camerino): casa nostra si affaccia su queste due vie.
    Qui puoi vedere il punto esatto dove l'abbiamo trovato: http://maps.google.com/maps?f=q&sour...&z=17&iwloc=A; puoi vedere meglio usando Street View.
    Come alternative avevamo pensato a:
    1. un giardino circondato da un muro di 3 metri sulla stessa via dove lo abbiamo trovato, a qualche centinaio di metri da li' (pero' non sappiamo cosa c'e' oltre il muro);
    2. un parco cittadino (a circa un chilometro, ma frequentato da qualche cane e dove non ho visto molti passeri): http://maps.google.com/maps?num=40&h...ed=0CBYQ_AUoAg
    3. nella vicina campagna, in particolare vicino agli impianti sportivi a qualche chilometro dal paese, dove ci sono tantissimi uccelli: passeri, allodole, tordi, merli, passeracei di ogni specie (ma anche cornacchie e falchi, e senz'altro maggiori pericoli dovuti ai predatori, volatili e non): http://maps.google.com/maps?as_qdr=a...ed=0CCgQ8gEwAA
    Come puoi immaginare, non e' una decisione facile...

    Le penne della coda sono cresciute, anche se sembrano un pochino... come dire... spelacchiate.
    Ma penso sia abbastanza normale.
    Ecco un paio di foto fatte a volo di Mecio su uno dei nuovi posatoi:
    Immagine:

    38,58 KBImmagine:

    106,94 KB

    A presto.


    -R & M-
    <font color=\"purple\"><i><font size=\"1\">Non sono io che sbaglio, e\' la realta\' ad essere inesatta</font id=\"size1\"></i></font id=\"purple\">

  10. #30
    Senior Member

    User Info Menu

    Ciao Sbrocca,
    scusa la mia risposta tardiva. Come sta Mecio? Ho visto le tre possibilita' per rimetterlo in liberta'.
    Sono sempre dell'idea che sarebbe meglio non farlo stare lontano da voi, perche' i passeri restano spessissimo vicino al luogo in cui sono stati allevati, anche se l'imprinting e' monimo. Se gli lasciaste la sua scatola con il cibo e l'acqua, la sua vita libera sarebbe piu' facile. Hai scritto che ci sono altri uccelli piu' "pericolosi" che si avvicinano alla vostra terrazza; pero' Mecio potrebbe trovarli anche altrove. Tanto vale, secondo me, tenerlo piu' vicino possibile, almeno saprebbe come cibarsi e bere. Nulla esclude che potrebbe prendere altre vie, che potrebbe imparare a vivere con altri passeri, ma finche' questo nn avviene, magari un ambiante un po' piu' familiare nn sarebbe male.
    Ciao!
    bella

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Schiacciamento pullus
    Di luis01 nel forum ESTRILDIDI
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27-03-08, 08:00 PM
  2. Pullus di cocorite (e agapornis!)
    Di Maty88 nel forum PSITTACIFORMI
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 17-02-07, 07:00 PM
  3. In Rilievo: dm non guardano i pullus!
    Di Gio nel forum ESTRILDIDI
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 10-08-04, 01:28 PM
  4. Come accudire al meglio la mia Cavietta.
    Di OPEL nel forum CAVIA - PORCELLINO D'INDIA
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 06-01-04, 07:37 PM

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice [VIDEO] è Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato