Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

Lampone Rubus. 

Lampone rubus

Lampone Rubus - Foto tratta da: www.aphotofungi.com

Per dire alla donna amata: "la tua voce è dolce", gli innamorati di un tempo non avevano che da inviarle un cestello di lamponi.
La correlazione fra questo significato e la profumata dolcezza dei frutti è più che evidente e giustificata.

Storia.

L'utilizzazione dei lamponi come frutto commestibile risale ad epoca assai antica, ed è certo che i Greci e i Romani se ne cibavano con "grande diletto".
Il nome scientifico Rubus idaeus traduce l'antica denominazione di "rovo del monte Ida".
I lamponi sono molto apprezzati per la preparazione di marmellate, sciroppi e da essi si ricava anche il noto liquore chiamato "ratafia".

Nella medicina popolare questi frutti vengono utilizzati per la loro azione e risultano benefici anche per il sistema nervoso come rilassanti. Un tempo i frutti di queste piante venivano usati anche per profumare il vino.

Descrizione. 

La famiglia: Rosacee.
Il genere Rubus, cui appartengono i lamponi, comprende circa 400 specie.
L'origine: Europa, Asia e America Settentrionale.
L'aspetto: arbusti con steli eretti, cilindrici, coperti di aculei spinosi che partono dalla base; possono essere alti anche 2 m.
Le foglie sono composte da un numero dispari di foglioline verde intenso sulla pagina superiore e bianche e pelose su quella inferiore, con margini dentati o seghettati.
I fiori solitari o riuniti in piccoli grappoli, sono bianchi, a forma di rosellina semplice.
La fioritura avviene in giugno.
I frutti a forma di drupa, sono penduli, profumati, di squisito sapore; il colore varia dal rosso chiaro, al bianco; la fruttificazione avviene a due anni dall'impianto; i frutti giungono a maturazione in piena estate, ma grazie a particolari colture in serre specializzate è possibile ottenere abbondanti raccolti di lamponi anche in primavera; alcune varietà fruttificano due volte nello stesso anno; in primavera e in autunno.
L'utilizzazione: per siepi o macchie nell'orto o negli angoli rustici del giardino; si può coltivare anche in cassette profonde 50 cm.

Esigenze e cure.

L'esposizione: a mezz'ombra, in luogo aperto e aerato.
Il terreno: normale da orto, ben concimato, misto a 1/3 di sabbia.
Le piante di lamponi richiedono cure che si possono così sintetizzare:

-la scelta delle varietà, per l'acquisto di piante di lampone è bene rivolgersi a grossi vivaisti, che possono offrire una scelta fra le varietà di tipo diverso sia per il colore dei frutti sia per l'epoca della fruttificazione; infatti esistono lamponi a fruttificazione primaverile o estiva e lamponi che producono frutti in primavera e in autunno; sia i primi che i secondi possono avere drupe di color rosso, giallo o biancastro;


-la potatura, si effettua in inverno eliminando i rami che già hanno portato a maturazione i frutti e riducendo della metà gli steli che dovranno fruttificare nella stagione in corso; particolarmente energica deve essere la potatura delle varietà che fruttificano due volte, in primavera e in autunno, per contenere la produzione primaverile di frutti a vantaggio di quella autunnale;
-le annaffiature, devono essere settimanali o anche più frequenti secondo la natura del terreno, tenendo conto che i lamponi non amano la terra troppo arida e vegetano meglio in condizioni di relativa umidità n le disinfezioni, si eseguono a scopo preventivo contro la ruggine da maggio in poi, con ritmo quindicinale, impiegando prodotti a base di zenib; per curare infezioni già in atto intervenire con anticrittogamici a base di ziram.
-le disinfestazioni, si effettuano in primavera-estate contro il verme dei lamponi e le larve del buprestide con prodotti a base di tiogamma inodoro.

Piantagione.

La piantagione si esegue in autunno o alla fine dell'inverno.

Moltiplicazione.

La moltiplicazione si effettua per divisione dei polloni che nascono preso la base dell'arbusto; è bene ricordare che le piante vivono due anni, ma si rinnovano spontaneamente attraverso la nascita dei polloni radicali.

Concimazione.

La concimazione, si effettua in autunno con fertilizzante organico e da marzo alla fruttificazione con somministrazioni quindicinali di concime minerale completo adatto per alberi da frutto.

 

Scheda realizzata da Marco Finco

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede