Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

Faggio Fagus.

Faggio - Fagus grandifolia

Faggio (Fagus grandifolia) - Foto tratta da: www.ubcbotanicalgarden.org      

  

Una decorazione di foglie di faggio, soprattutto se di varietà purpurea, attribuisce a qualsiasi mazzo di fiori questo significato ben preciso: "Io ti dono il mio cuore".

Se poi i rami del faggio hanno già acquistato le caratteristiche sfumature autunnali, la simbologia si fa più impegnativa poiché i fiori promettono "amore sino all'autunno della vita", ossia per sempre.

Storia.

Il nome scientifico Fagus ha un'origine incerta; infatti, alcuni studiosi ritengono che derivi dal greco "phagò=mangiare" e significhi dunque "albero il cui frutto si può mangiare".
Altri invece sostengono che all'origine del nome di questo importante genere botanico vi sia il vocabolo greco "phag=dispensare", che darebbe al faggio il significato di "albero dispensatore di cibo".


Descrizione.

La famiglia: Fagacee.
Il genere comprende circa 10 specie.
L'origine: Europa, America, Giappone, Cina.
L'aspetto: alberi maestosi che possono raggiungere anche i 30-40 m di altezza
Le foglie caduche, semplici, dentate o a margini interi; il colore varia dal verde al purpureo.
I fiori: insignificanti.
I frutti detti "faggiole", non sono particolarmente decorativi, ma costituiscono un prezioso alimento per gli animali del bosco; maturano in settembre. L'utilizzazione: come alberi forestali, ma anche a scopo ornamentale in giardini di grandi dimensioni, disposti isolatamente o in gruppo.


Esigenze e cure.

L'esposizione in pieno sole o a mezz'ombra; trova difficoltà a vivere in clima caldo e asciutto, ma vegeta rigoglioso sulle rive dei laghi, in collina e in montagna (fino a 1500- 2000 m) o comunque in luoghi dove l'estate è caratterizzata da piogge frequenti Il terreno deve essere profondo, fresco e calcareo.

Piantagione.

La piantagione si esegue in autunno o alla fine dell'inverno.

Moltiplicazione.

La moltiplicazione le specie si riproducono per seme, in primavera; le varietà per innesto, in marzo; operazioni comunque da affidare ai vivaisti; è preferibile quindi acquistare piante già adulte e in grado di assolvere immediatamente una precisa funzione decorativa
Trattandosi di alberi di grande mole è evidente che le maggiori cure si limitano al primo periodo dopo l'impianto, quando le radici non sono ancora ben affrancate e si può temere che il vento, durante l'inverno, possa smuovere la pianta addirittura sradicandola o comunque pregiudicandone l'attecchimento.

Quindi, dopo aver piantato il faggio, è necessario premere bene la terra attorno al ceppo, annaffiare e tornare a premere il suolo per essere certi che non rimangano "vuoti" fra il terriccio e le radici. In seguito, per tutti i mesi estivi che seguono la messa a dimora del faggio, è opportuno annaffiare ogni settimana somministrando due o tre secchi d'acqua per volta.
Ogni mese è bene unire all'acqua un concime ricco di azoto, mentre al momento dell'impianto si deve mescolare alla terra una buona dose di letame. Il faggio sopporta benissimo le potature e quindi può essere utilizzato per realizzare siepi "in forma"; con le varietà a rami penduli si possono anche creare veri e propri "berceaux", da limitare in altezza e in ampiezza con ripetuti tagli.


Parassiti.

I faggi, malgrado la loro mole imponente, vengono spesso attaccati da malattie che possono pregiudicarne la salute e la bellezza e che debbono essere combattute con la massima tempestività, impiegando i prodotti adatti.
Ecco le malattie che più di frequente colpiscono queste piante: mal del colletto: è una malattia che colpisce le piantine giovani e che si manifesta nei mesi estivi con una diffusa clorosi (mancanza di ferro) delle foglie, alla quale fa seguito il completo distaccamento della pianta.
Si combatte estirpando e distruggendo gli esemplari colpiti; marciume radicale: si manifesta generalmente in esemplari coltivati in terreni umidi e compatti.

La malattia attacca le radici, che si ricoprono di uno strato più o meno spesso di muffa, con conseguente ingiallimento della chioma, caduta prematura delle foglie, disseccamento dei rami.
Occorre intervenire ai primi sintomi distruggendo le piante colpite se sono ancora in giovane età, e spargendo sul terreno solfato di ferro, nella dose di mezzo kg per mq.
Se invece l'albero è ormai molto sviluppato si può cercare di guarirlo somministrando ogni settimana un secchio d'acqua in cui siano stati sciolti 10 g di solfato di ferro ogni litro. n mal del rotondo: infezione che attacca il legno della pianta e consiste in placche bruno scuro a bordi biancastri che appaiono sul tronco e sulle radici.

Si cura mettendo a nudo le radici colpite e, se possibile, eliminando le parti più intaccate.
Il fusto e le radici che non possono essere tagliati debbono essere lavati ripetutamente con una soluzione di acqua e solfato di ferro (10 g per litro d'acqua).

È anche opportuno intervenire con annaffiature quindicinali, sempre a base di solfato di ferro, nelle dosi di un secchio d'acqua con l'aggiunta di 4 g di solfato di ferro per ogni litro d'acqua. Il faggio può essere attaccato anche da vari parassiti animali, tra cui:
n pidocchi o afidi, da combattere con prodotti a base di piretro o di "isolan"
n bombice, una farfalla che rode tutte le foglie e si combatte cercando di eliminare i nidi, che sembrano avvolti nella seta, e intervenendo cono trattamenti a base di "sevin"
n cecidomia (Mikiola pagi), insetto che pungendo le foglie provoca la formazione di strane galle dove depone le uova; si combatte eliminando la maggior parte del fogliame colpito e bruciandolo e irrorando la pianta con prodotti a base di "gammesano".

Le specie più ornamentali.

F. sylvatica o "faggio comune": con foglie di color verde vivo, lucenti, può essere alta anche 30-40 m, con fusto del diametro di 2 m. Di questa specie esistono numeroso e interessanti varietà, fra cui alcune adatte alla decorazione del giardino, come la notissima purpurea, a foglie rosso chiaro in primavera e bellissime tonalità autunnali; la purpurea pendula a rami ricadenti, la tricolor con belle foglie rosse orlate e marezzate di rosa vivo e rosa chiaro;
F Zlatia di modeste dimensioni con foglie orlate in color crema; la variegata dal fogliame variegato in bianco o crema. Da ricordare anche le varietà con foglie di forma particolare, come la heterophylla, la quercifolia, la rotundifolia, la grandidentata, la latifolia, la salicifolia, la laciniata, la incisa, la asplenifolia.
F. grandifolia o "faggio americano": alta sino a 24 m, ha foglie ovali
F. japonica o "faggio giapponese": alta circa 20 m, ha foglie ovali o ovali-arrotondate color verde sfumato in azzurro;
F. orientalis: alta circa 30 m, con chioma piramidale, ha foglie ovali-arrotondate
F. sieboldii: alta circa 30 m, ha foglie ovali molto appuntite.

Scheda realizzata da Marco Finco

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede