MALATTIE INFETTIVE E CONTAGIOSE

Diftero-vaiolo

Questa malattia, che colpisce un gran numero di specie selvatiche in ogni parte del mondo, è anche notevolmente diffusa tra i volatili domestici. La forma difterica è quasi sempre letale, la forma vaiolosa è meno grave e in genere i soggetti colpiti guariscono. Vere e proprie terapie non esistono, il miglior sistema per difendere gli uccelli è la prevenzione mediante inoculazione di appositi vaccini per uso ornitologico. Per I'inoculazione del vaccino sarà bene avvalersi dell'opera del veterinario. Locali, gabbie e accessori vanno sotto posti ad accuratissima pulizia e disinfezione, gli escrementi e gli animali deceduti vanno cremati giornalmente.

Coccidiosi o colera

Malattia causata dai coccidi, protozoi del genere Eimeria, che si annidano negli intestini. I soggetti colpiti presentano spossamento, sete continua, assoluta inappetenza e respirazione affannosa; tengono il becco aperto e perdono una bava vischiosa e filante, le feci sono biancastre e molto liquide. La mortalità per colera può interessare il 90% di un allevamento. Per evitare il diffondersi del contagio bisogna provvedere immediatamente all'isolamento dei malati e cremare giornalmente gli escrementi e le spoglie dei soggetti deceduti. Fortunatamente però la coccidiosi ha un'incidenza relativamente bassa tra i volatili ornamentali da gabbia.

Laringo-tracheite infettiva

Malattia contagiosa da virus, si può contrarre per ingestione di bevande e alimenti inquinati, attraverso ferite o tramite punture di parassiti esterni. È malattia solitamente a decorso benigno e lieve; i soggetti colpiti presentano respirazione fischiante, tosse, emissione di muco dalle nari e dal becco, respirazione difficoltosa. I canarini vanno isolati e curati con suffumigi a base di mentolo, guaiacolo ed eucaliptolo.

Listerellosi

Malattia infettiva e contagiosa che colpisce in genere tutti gli animali domestici e da cortile. Si manifesta generalmente con la paralisi di un'ala o di una zampa; il soggetto soffre di inappetenza, diarrea e di infiammazioni oculari. L'infezione è sempre di tipo molto grave e non si risolve mai spontaneamente, è quindi opportuno sottoporre l'animale colpito alle cure di un veterinario. È necessario usare le solite misure prudenziali isolando i malati e disinfettando gabbie e locali.

Osteoartrite infettiva

Malattia che si contrae con I'ingestione di sostanze inquinate o anche attraverso piccole ferite. Le manifestazioni sono quelle tipiche che si riscontrano nelle malattie infettive: sonnolenza, perdita del canto e dell'appetito, feci liquide e febbre. Le guarigioni sono molto improbabili e qualora avvenissero non restituiscono però i volatili alla loro primitiva, completa efficienza. Necessari isolamento, disinfezione e cremazione degli escrementi e dei soggetti deceduti.

Paratifosi o salmonellosi

È una malattia infettiva dovuta a schizomiceti. Malattia mortale per i piccoli, può non esserlo per gli adulti, che però ne restano portatori sani. I sintomi sono in genere costituiti da mancanza di vivacità rapido dimagramento, scarso interesse al cibo contrapposto a una sete ardente, feci diarroiche, ventre gonfio, respirazione affannosa. Si cura con la somministrazione di antibiotici, cui deve accompagnarsi un'alimentazione ricca di vitamine.  

 

Link sponsorizzati

 

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede