Indietro

Advertising

trovacuccilibannere

traovalosubitobanner

 

PASTORE DI CIARPLANINA

Pastore di Ciarplanina       

ORIGINI DELLA RAZZA
Il Pastore di Ciarplanina discende dai robusti cani asiatici che arrivarono in Occidente durante le migrazioni preistoriche.
E' molto diffuso nella sua terra d'origine, in Francia e negli USA, come cane da guardia forte e agile, oltre che bello nel suo forte mantello.
Importato in America nel 1975 divenne popolare per la difesa delle greggi dai coyote. 

Cucciolo di Pastore di Ciarplanina

Gli esemplari presenti in Italia hanno origine dell'ex Yugoslavia e dalla Macedonia.
Utilizzato dall'esercito dell'Ex Yugoslavia per la difesa dei confini. E' un cane che non ama un padrone nervoso, che alzi troppo la voce senza motivo.

DESCRIZIONE
E' un cane possente e presenta i tratti distintivi del cane da montagna: testa forte e larga con stop abbastanza marcato ed orecchie pendenti.

Ha il torace ampio e zampe solide, la sua struttura è messa in rilievo dalla pelliccia spessa e densa di sottopelo.
Ha gli occhi molto espressivi, infatti si riesce a capire il suo stato d'animo in ogni istante.
E' un cane a metà tra un molossoide e lupoide, possente senza essere pesante, dal superbo mantello e dallo sguardo calmo e penetrante, è la forza tranquilla, di un cane che conosce la sua grande potenza.

CARATTERE
E' un cane con un istinto eccezionale e con un equilibrio fuori dal comune.
Ottimo guardiano, infaticabile lavoratore, possiede un istinto di protezione molto sviluppato.
E' inutile sgridarlo perché capisce perfettamente ciò che ci si aspetta da lui ed obbedisce volentieri, abbaia poco e solo se provocato diventa un cane temibile.

Adora il proprio padrone, infatti per lui è disposto a tutto, ma adora anche i bambini, sui quali vigila con grande dedizione.
La sua educazione necessita di un padrone dal pugno di ferro, che però lo rispetti sempre se vuole essere rispettato, accetterà tutto dal suo padrone, che poi diventerà il suo capo branco e grande amico, ma da uno sconosciuto non si farà mai corrompere.

Nella sua terra d'origine i pastori raccontano che è l'unico cane che quando muore non si lamenta, lo definiscono dignitoso di una grande fierezza e fedeltà.

GLI ALLEVAMENTI CONSIGLIATI DA INSEPARABILE SONO:

Link sponsorizzati

Nessun allevamento da segnalare 
se vuoi sapere come segnalare il tuo, CLICCA QUI

STANDARD

Nazionalità Jugoslavia.

Origine Il Pastore di Ciarplanina o Pastore dell’llljria proviene dall’antico Oriente come la maggioranza dei cani da gregge di­venuti autoctoni per acclimatazione o per selezione operata dall’uomo i riconoscimento ufficiale porta la data del 1930.
Clss. Utilità Gruppo 2°

Dimensioni  Media cm 62 nei maschi; cm 58 nelle femmine. Maschi al disotto di 56 cm e femmine sotto i 54 cm non ammessi. Peso: maschi da 35 a 45 kg; femmine da 30 a 40 kg.

Testa molto Proporzionata al corpo. Cranio appena più lungo del muso, largo; nel suo profilo superiore è leggermente convesso. Il Pastore di Ciarplanina ha lo stop poco pronunciato. Canna nasale diritta. Tartufo nero. Il Pastore di Ciarplanina ha il muso largo e profondo alla base, si assottiglia leggermente e gradatamente. Labbra di modesto spessore, tese. Mascelle molto forti, di uguale lunghezza. Dentatura a forbice.

  • Collo Di lunghezza media, assenza di giogaia.

  • Occhi  A mandorla, castano chiaro o scuro.

  • Orecchie Inserite piuttosto bassi, ricadenti piatte contro le guance, di media lunghezza.

 

Corpo Un po' più lungo dell’altezza al garrese. Il Pastore di Ciarplanina ha un petto largo e molto muscoloso, torace di media profondità, disceso fino al gomito. Dorso largo e non troppo lungo, diritto, reni corti, larghi e muscolosi, groppa obliqua, muscolosa, larga. Il Pastore di Ciarplanina ha il ventre leggermente retratto.

Il Pastore di Ciarplanina ha una coda Lunga, giunge almeno alla punta del garretto, con forma di sciabola; in azione è sollevata e può essere portata al di sopra della linea del dorso.

Arti Posteriori pure in appiombo con coscia forte, muscolosa, arrotondata, obliqua. Garretto largo, abbastanza aperto. Anteriori proporzionati al corpo. di buon appiombo. Piedi forti, ovali.

Pelo Corto su testa, orecchi, faccia anteriore; lun­go, piatto e un po' grossolano su collo, corpo, faccia po­steriore degli arti e coda. Presenza di sottopelo.

Colore  Uni-colore: ammessa ogni sfumatura, preferito il grigio ferro e il grigio scuro. Macchie bianche o pezzature non sono
ammesse, tranne piccole macchie bianche sul petto e Sulle dita (tollerate, ma non desiderate) nei cani di buon pigmento. A seconda del mantello e dell’impiego sulle montagne della Jugoslavia i Pastori distinguono 4 tipi di Ciarplanina, tutti ammessi dallo standard (Sari, Karabas, Murdj, Merdjan.)

Carattere Il Pastore di Ciarplanina è audace, attento, energico. Di norma obbedisce a un solo padrone, gli altri sono nemici.

Utilizzazione E un cane da Pastore per eccellenza ben utilizzato sulla costa adriatica jugoslava, l’antica luna. Il Pastore di Ciarplanina sa battersi ad armi pari con il lupo, che riesce a stanare anche di notte. Oggi è utilizzato come ottimo cane da guardia della proprietà e come guardiano dei penitenziari come avviene in quello di Milano

 

Guarda un video del Sarplaninac o CIARPLANINA

 

 

Standard F.C.I. n° 41/24.11.1970

ORIGINE: razza Yugoslava

UTILIZZO: cane da pastore per la guardia e la condotta delle greggi

CLASSIFICAZIONE FCI
Gruppo 2 : cani di tipo Pinscher e Schnauzer, Molossoidi e cani da montagna e bovari svizzeri.
Sezione 2.2 : Molossoidi, tipo montagna.
Senza prova di lavoro

CENNI STORICI: il pastore di Ciarplanina è stato allevato da tempi immemorabili nelle regioni montagnosa del sud est della Jugoslavia. Questo cane era particolarmente diffuso nelle montagne in Ciarplanina , cosa che gli avvalse il nome di Ciarplaninatz. Oggi tuttavia questo cane è allevato in tutti i territori della ex Jugoslavia. L'origine di questi animali è sconosciuta. Probabilmente sono stati condotti dall'Asia in Europa seguendo le migrazioni dei popoli nei tempi preistorici e successivi. Il tipo primitivo di questa razza non si è conservato che nelle regioni dove un allevamento di ovini intenso è ancora praticato e dove questo cane riveste ancora il ruolo di guardiano e difensore delle greggi contro gli animali selvatici.

ASPETTO GENERALE: robusto, di costituzione solida, di taglia sopra la media, ben proporzionato. Coperto da pelo lungo, spesso e abbastanza grossolano che dona al suo corpo un aspetto piuttosto raccolto. Forte costituzione, temperamento calmo, buon carattere, buon difensore e non mordace. Devoto al suo padrone e incorruttibile.
Altezza al garrese:
maschi 62 cm, femmine 58. Vengono preferiti i cani di grande taglia. I soggetti maschi inferiori a 56 cm e le femmine inferiore 54 vengono esclusi dalla riproduzione. Peso da 35 a 45 kg per i maschi e da 30 a 40 kg per le femmine.
Lunghezza del corpo:
leggermente superiore al'altezza al garrese: da 8 a 10% dei maschi e da 10 a 12% nelle femmine.

TESTA
La testa è proporzionata al corpo e misura circa 25 centimetri o circa il 40% dell'altezza al garrese. Il cranio è un po' più lungo del musello, rispettivamente 58 e 42% della lunghezza totale della testa. La femmina ha il muso un po' più lungo (57 e 43%). Profilo superiore del cranio leggermente convesso e profilo della canna nasale dritto. Le due linee sono convergenti.

REGIONE CRANIALE
Cranio:
parte craniale della testa larga, con solco mediano accentuato. Visto di lato e dall'alto, è leggermente convesso e poco bombato. Arcate sopracciliari poco pronunciate. Cresta occipitale prominente.
Stop: poco pronunciato.
Tartufo: grande il pigmentato di nero.
Musello: più corto del cranio, profondo e largo alla base, si assottiglia leggermente e gradualmente.
Canna nasale: dritta e larga.
Labbra: di spessore medio e chiese. Il labbro superiore del bordo leggermente sul inferiore. Commessura chiusa, mai invertita.
Mascelle/denti:
il profilo della mascella inferiore comincia con un arco e si conferma con una linea dritta divergente in rapporto al profilo della canna nasale. Dentatura completa. Articolazione a forbice.
Occhi: a forma di mandorla, non grossi né incavati, di colore del castano chiara al castano scuro, con espressione calma e penetrante, mai timida. Le palpebre, così come le mucose visibili, sono pigmentate di nero.
Orecchie: impiantate a livello del prolungamento di una linea immaginaria che parte dalla punta del naso e passa per l'angolo interno dell'occhio o un po' più bassa. Sono pendenti, ricadenti piatte contro le guance, a forma di V e sono di lunghezza media; quando vengono tirate, arrivano fino all'angolo interno dell'occhio corrispondente. Coperte da pelo corto e spesso.

COLLO: profilo superiore leggermente convesso o dritto nella parte superiore del collo. Profilo inferiore dritto. Lunghezza media, ma a causa del pelo lungo e folto, sembra più corto. Largo, profondo e muscoloso, ben attaccato alla testa e al corpo, e senza brusche interruzioni. Leggermente rialzato in rapporto alla linea del dorso. Pelle tesa e senza fanoni. Pelo folto, lungo e ruvido, che forma a livello della testa un collarino ben pronunciato, cosa che apparentemente aumenta la larghezza e la profondità di questa parte della testa.

CORPO
La linea del dorso è orizzontale, o leggermente in pendenza andando dal garrese verso la groppa. Nei cani allevati in montagna, si tollera che l'altezza della groppa sia appena più grande di quella al garrese, cosa peraltro non desiderabile. Il corpo è un pò più lungo dell'altezza al garrese.
Garrese:
leggermente pronunciato e largo, il suo attacco con il collo è forte senza evidenti soluzioni di continuità.
Dorso: dritto e largo, non troppo lungo. La parte lombare è più corta, larga e muscolosa.
Groppa: di lunghezza media, obliqua, larga e molto muscolosa.
Petto: profondo e con un bordo inferiore che arriva fino a livello dei gomiti, di lunghezza media. Costole leggermente arcuate. Pettorina larga e muscolosa. La circonferenza della pettorina deve essere almeno del 20% maggiore dell'altezza al garrese.
Regione lombare: addome retratto e muscoloso, così che la linea del profilo inferiore risale dall'avanti all'indietro. Fianchi molto corti. Fossa del fianco pronunciata.

CODA: lunga, arriva almeno fino alla punta del garretto. Forma un prolungamento della linea superiore della groppa. Potente alla base, si assottiglia verso l'estremità. Pelo soffice e sul bordo inferiore presenza di frange. Portata a sciabola e sollevata quando l'animale è in azione. In questo caso può superare la linea del dorso.

ARTI
ARTI ANTERIORI
Buoni appiombi, proporzionati in rapporto al corpo; l'altezza della punta del gomito è pari al 55% dell'altezza al garrese. Le diverse parti degli arti anteriori sono proporzionate fra loro e in rapporto al corpo. Spalla sufficientemente lunga e larga e ben attaccata al corpo, leggermente obliqua, formante un angolo con l'orizzontale di 65 °. Il braccio è più obliquo della spalla, e forma con l'orizzontale un angolo di 55 °. L'angolo del gomito (angolo omero-radiale) è di 145 °. Il gomito è largo, ben piazzato, molto poco distanziato dalle costole. Avambraccio verticale con ossatura e muscolatura ben sviluppate, lungo, coperto nella faccia posteriore da peli che formano frange. Il carpo è largo, spesso e con una leggera demarcazione. Metacarpo leggermente obliquo, largo e forte. Piedi forti, di forma ovale, con dita arcuate e ben serrate. Le unghie sono nere e solide. Tubercoli digitali e plantari fermi e soffici, neri o di pigmentati di scuro.
ARTI POSTERIORI
Arti posteriori in appiombo quando visti da dietro, regolari e leggermente più distanziati fra di loro degli arti anteriori. Visti di profilo sono altrettanto regolari, con angoli delle articolazioni sufficientemente chiusi. La coscia è muscolosa, forte e arrotondata, obliqua, formante con una linea orizzontale un angolo simile a quello della spalla. L'angolo della grassella (angolo femore tibiale ) è un poco più aperto dell'angolo scapolomerale (125 °), la grassella è solida e larga. La gamba è obliqua, forte, con muscolatura sufficientemente discesa e frange ben pronunciate.
Garretto:
largo e molto aperto (angolo di circa 130 °)
Metatarso: un po' meno obliquo del metacarpo. Raramente possono essere trovate speroni, che devono essere rimossi.

ANDATURE: passo lungo e soffice. L'andatura preferita è il trotto, con passi alti e lunghi falcate. Al galoppo, si mostra pesante, ma effettua salti lunghi, che coprono molto terreno.

PELLE: di spessore medio, elastica e ben tesa su tutte le parti del corpo. Fanoni assenti. Tutte le mucose visibili sono nere o di pigmentazione scura.

MANTO
Pelo:
testa, orecchie e parte anteriore degli arti coperte da pelo corto. Collo, corpo, parte posteriore degli arti e coda sono coperti da pelo lungo, pressoché piatto e un poco grossolano. Sottopelo corto, più fine, molto fitto e abbondante. La lunghezza del pelo sul garrese va da 10 a 12 cm, e non è ammesso un pelo più corto di 7 cm.
Colore: il Ciarplanina è monocolore. Sono autorizzate tutte le sfumature di colore, dal bianco fino al bruno scuro quasi nero. I colori più stimati sono il grigio verdastro (grigio ferro) e il grigio scuro. Il manto pallido o le macchie bianche non sono permessi. Nei cani pigmentati, sono accettate piccole macchie bianche sul petto e sulle dita, ma non desiderate. In tutti i cani pigmentati, la tinta del fondo è più accentuata sulla parte superiore della testa, del collo e del tronco. Sulle parti inferiori del corpo la tinta si schiarisce e sulle parti inferiore degli arti e la tinta è ancora più chiara passando al colore grigio sale o giallastro. Questa sfumatura del colore non può essere in alcun caso ben delimitata dando l'aspetto di macchie chiare o manto pallido.

PESO: nei soggetto in condizioni di lavoro, va da 35 a 45 kg nei maschi e da 30 a 40 kg nelle femmine.

DIFETTI
Piccoli difetti
Larghezza insufficiente della parte craniale della testa
Musello un po' troppo lungo
Mascelle troppo sviluppate
Larghezza e profondità (altezza) del petto insufficiente
Costole troppo piatte o troppo arcuate
Difetti di appiombo poco pronunciati
Pelo un po' corto, purché le frange siano evidenti
Macchie bianche sul petto e i piedi
Coda leggermente accorciata
Piede leporino
Qualsiasi altro piccolo difetto fisico

Difetti gravi
Musello troppo lungo o troppo appuntito
Orecchie attaccate alte o distanziate dalla testa
Articolazione a tenaglia
Dorso insellato
Coda portata di lato
Costituzione linfatica
Qualsiasi altro grave difetto fisico

Difetti eliminatori
Mancanza dei denti premolari
Grande differenza fra la lunghezza del corpo e l'altezza al garrese
Altezza al garrese insufficiente
Lunghezza del pelo inferiore a 7 cm
Grandi macchie bianche (manto pallido)
Striature del pelo
Depigmentazione delle mucose visibili e degli occhi
Segni di tare genetiche (rachitismo o prognatismo, coda corta alla nascita oppure assente, dorso troppo incollato e altri segni di tare genetiche)

N.B. I maschi devono avere i testicoli di aspetto normale completamente discesi nello scroto

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO INSEPARABILE CONSIGLIA:

LIBRI  

CANIL'Enciclopedia Internazionale dei Cani - storia, caratteristiche, consigli e tutte le razze Piccolo manuale del cane Cani di razza

DVD

IL LINGUAGGIO DEL CANE - DVD  QUAL'E' IL CANE PER TE? - DVD

Utility di Inseparabile

Spot

Le Schede