TUTTE LE RAZZE

Ti piace questa pagina? Consigliala!

Bracco ungherese

Bracco Ungherese


CARATTERE: Attivo, furbo , giocherellone e con i bambini piccolo molto coccolone! Questa razza è molto veloce e molto abile ma anche un po' testardino nel rispettare delle regole stando da solo.

Bracco Ungherese
Nella foto Max il vizsla (Bracco Ungherese) di Nicola Ana

STANDARD
FCI
  N° 57 del  13/09/2000.

 BRACCO UNGHERESE A PELO CORTO

 ORIGINE: Ungheria.


Nella foto Max il vizsla (Bracco Ungherese )di Nicola Ana

 UTILIZZO:
Vizsla (Bracco Ungherese) è un cane da caccia polivalente che lavora indifferentemente sul campo come nel bosco e nell'acqua. Il Bracco Ungherese possiede le seguenti attitudini tipiche: un naso eccellente, fermezza alla ferma, notevole predisposizione per il recupero grazie all'innata capacità di seguire la traccia della selvaggina anche in acqua, grazie al suo gusto pronunciato per il lavoro in questo elemento. Il Bracco Ungherese si adatta ai terreni difficili e sopporta variazioni meteorologiche  estreme. Come cane da ferma efficace e polivalente, il timore allo sparo, il timore della selvaggina ed una mancanza di disposizione per la ferma e il riporto sono indesiderabili così come se non gradisce il lavoro in acqua. Grazie alla sua capacità d'adattamento, può facilmente vivere in appartamento. 

CLASSIFICAZIONE F.C.I. 

Gruppo 7 cani da ferma.

Sezione 1 cani da ferma continentali. Con prova di lavoro (pianura ed
acqua).
 

BREVE SOMMARIO STORICO:
Gli antenati del bracco ungherese sono arrivati nell'attuale patria al seguito delle tribù nomadi ungheresi in emigrazione. Fin dal 14 secolo, questo cane appare in documenti scritti e pittorici. La sua importanza per la caccia non ha cessato di aumentare dal 18 secolo. Fin dalla fine del 19 secolo, si organizzavano in Ungheria concorsi per cani da ferma, ai quali i bracchi ungheresi partecipavano già con grande successo. Probabilmente anche altre razze di cani da caccia hanno avuto un ruolo nel suo sviluppo. L'allevamento per la selezione del Bracco Ungherese è cominciato nel 1920; il bracco ungherese a pelo corto è stato riconosciuto dalla FCI nel 1936.
 

ASPETTO GENERALE:
Il Bracco Ungherese è un cane da caccia di taglia media, di aspetto elegante e distinto a pelo corto di colore frumento-dorato (fulvo). La sua costituzione piuttosto leggera, secca e senza peso superfluo riunisce in un'armonia perfetta bellezza e forza. 

PROPORZIONI IMPORTANTI:
La lunghezza del corpo supera di poco l'altezza al garrese. La profondità del torace è un po' inferiore alla metà dell'altezza al garrese. Il muso è un po' più corto della metà della lunghezza totale della testa.
 

COMPORTAMENTO/CARATTERE:
La facoltà eccezionale del Bracco Ungherese di mantenere il contatto con il suo padrone fa parte delle sue attitudini fondamentali
. Non sopporta di essere trattato con brutalità e non deve essere né aggressivo né timido.Vivo di temperamento, amorevole, equilibrato, facile da addestrare. 

Bracco Ungherese

TESTA:
Asciutta, nobile, ben  proporzionata. 

REGIONE CRANICA:
Cranio:
Moderatamente ampio, leggermente bombato
. Solco mediano, leggermente pronunciato che  si estende dalla protuberanza occipitale moderatamente sviluppata in direzione dello stop. le arcate sopraciliari sono moderatamente sviluppate. 

Stop: Moderato 

REGIONE  FACCIALE: 

Tartufo: Ampio e ben sviluppato con le narici ben aperte. Il colore del tartufo si accorda armoniosamente ed in una sfumatura più scura con il colore del manto.

Muso: Il muso del Bracco Ungherese è troncato, non aguzzo. Le mandibole sono forti e muscolose. La canna nasale è dritta.

Labbra: Ben unite e tese; non pendenti.

Mandibole/denti: Mandibole forti con un'articolazione a forbice perfetta, regolari e complete. Non ci deve essere spazio tra la faccia posteriore degli incisivi superiori è la faccia anteriore degli incisivi inferiori. I denti sono inseriti quasi ad angolo retto rispetto alle mandibole; con 42 denti sani conformemente alla formula dentaria del cane.

Guance: Forti, ben muscolose.

Occhi: Gli occhi del Bracco Ungherese sono di forma un po' ovale, di dimensione media. Le palpebre sposano bene la forma della sfera oculare. Lo sguardo è vivo ed intelligente. Il colore marrone degli occhi si accorda armoniosamente con quello del mantello, ma si preferiscono gli occhi di una sfumatura più scura possibile.

Orecchi: Disposte leggermente all'indietro ed attaccate ad altezza media. Il padiglione dell'orecchio è fine e pende contro le guance coprendo bene il foro delle orecchie. L'estremità dell'orecchio ha la forma di un "V" arrotondato. La lunghezza dell'orecchio misura circa i tre quarti della lunghezza della testa.

Collo: Di lunghezza media in armonia con l'insieme è molto muscoloso, leggermente arcuato, situato ad altezza media sul tronco. La pelle della gola è tesa. 

TRONCO: 
Garrese:
Accentuato e muscoloso.

Spalla: Ferma, ben muscolosa, forte e diritta. Gli apici ossei della spina dorsale devono essere mascherati dalla muscolatura.

Rene: Breve, ampio, forte, muscoloso, diritto o leggermente arcuato. Il passaggio dal dorso al rene è fermo e compatto.

Groppa: Ampia e sufficientemente lunga, non breve e tagliata; è leggermente inclinata in direzione della coda e ben muscolosa.

Petto: Ben sceso, ampio e muscoloso; lo sterno si estende quanto più lontano possibile verso la parte posteriore. Lo sterno ed il gomito si situano alla stessa altezza. Le costole sono moderatamente curvate; le costole false sono bene scese.

Linea inferiore: Tesa, risale leggermente verso la parte posteriore formando una curvatura elegante.

Coda: Attaccata un poco bassa, forte alla  nascita per assotigliarsi gradualmente con l'estremità leggermente ricurva. Nei paesi, in cui la caudectomia non è proibita dalla legge, per precauzione in previsione della caccia può essere accorciata di un quarto. Se la coda non è accorciata raggiunge il garretto ed è portata diritta o leggermente sotto forma di sciabola. In movimento è sollevata fino all'orizzontale. La coda è ben coperta di un fitto pelo. 

ARTI ANTERIORI:
In generale:
Visti di fronte sono dritti e paralleli; visti di profilo, i piedi sono verticali e bene sotto il corpo. L'ossatura è solida con forte muscolatura.

Spalla: Ia scapola è larga, obliqua ed attaccata pianamente. Il suo movimento è sciolto ed elastico. La muscolatura è forte e secca. Buona angolatura tra la scapola ed il braccio.

Braccio: Così lungo come possibile, ben muscoloso.

Gomiti: Ben aderenti al corpo, ma non stretti, girati né all' interno né all'esterno. Buona angolazione tra il braccio e l'avanbraccio.

Avanbraccio: Lungo, diritto, sufficientemente muscoloso. Ossatura forte, ma non pesante o grezza.

Carpo: asciutto e solido.

Métacarpo: Breve e molto leggermente obliquo.

Piedi anteriori: Leggermente ovali, con dita strette, arcuate e forti. Unghie forti e marroni. Cuscinetti compatti e resistenti, di colore ardesia. In stazione verticale ed in movimento i piedi sono paralleli. 

ARTI POSTERIORI:
In generale:
Visti di dietro, i membri posteriori sono diritti e paralleli. Buona angolatura. Ossatura solida.

Coscia: Lunga e muscolare. Buona angolazione tra il bacino e il femore.

Ginocchio: Buona angolazione tra la coscia e la gamba.

Gamba: Lunga, muscolosa e nervosa. La sua lunghezza è quasi uguale a quella della coscia. Buona angolazione tra la gamba e il metatarso.

Garretto: Solido, secco e nervoso, messo relativamente basso.

Métatarso: In posizione verticale, breve e secco.

Piedi posteriori: Come i precedenti.

Andatura: Il passo tipico è un trotto pieno d'impulso, facile, elegante e che copre bene il terreno, con una forte spinta dei posteriori ed un'estensione corrispondente ai precedenti. Durante la ricerca in pianura, il cane ha un galoppo sostenuto. La parte posteriore è ferma e la linea della schiena resta orizzontale. Buona prestanza in stazione. Il passo è da evitare. 

PELLE:

Tesa, senza pieghe ben pigmentata. 

MANTELLO: 

Pelo: Breve e fitto, deve essere ruvido e duro al contatto. Nella testa e nelle orecchie è più fine, più di seta e più corto; nella parte inferiore della coda è un po', ma non notevolmente più lungo. Il pelo deve coprire tutto il corpo; solo il ventre presenta un pelo un po' più rado senza sotto-pelo. 

Colore: Varie gamme del colore frumento-dorato. Le orecchie possono essere di una sfumatura più scura; ma in tutte le altre parti il colore deve essere uniforme. Toni rossi o brunastri o i colori diluiti non sono ricercati. Un piccolo segno bianco al petto o nella regione della gola, il cui diametro non deve superare
5 cm, e segni bianchi sulle dita non sono penalizzati. Il colore delle labbra e delle palpebre corrisponde al colore del tartufo.
 

GLI ALLEVAMENTI CONSIGLIATI DA INSEPARABILE SONO:

Nessun allevamento da segnalare 
se vuoi sapere come segnalare il tuo, CLICCA QUI

TAGLIA:

Altezza al garrese:

-maschi: 58-64 cm,

-femmine: 54-60 cm.

Senza interesse all'aumento della dimensione. Occorre ricercare una dimensione media. L'equilibrio statico e dinamico e l'armonia della costruzione è molto più
importante della dimensione misurata in cm.
 

DIFETTI nel Bracco Ungherese: 

Qualsiasi divergenza rispetto a ciò che è stato descritto deve essere considerata come un difetto che deve essere penalizzato in funzione della sua gravità. 

DIFETTI ELIMINATORI nel Bracco Ungherese:

-Netta divergenza rispetto all'aspetto caratteristico della razza.

-Forte deviazione dal tipo sessuale.

-Testa atipica.

-Tartufo macchiato.

-Labbra pendenti o che gocciolano, bavose.

-Prognatismo superiore o inferiore, arcata dentaria deviata tra cui tutti i difetti intermedi dell'articolazione.

-Assenza di uno o più denti fra gli incisivi, i canini, i premolari 2-4 ed i molari
1-2.

-Assenza di più di due premolari 1 (PM1); i m3 non sono presi in considerazione. I denti non visibili sono considerati mancanti.

-Denti sovrannumerari fuori dell'allineamento.

-Palato scomposto, labbro leporino.

-Occhi gialli chiaro; palpebre molto allentate; entropio, ectropio; (doppio sistemata di fruste).

-Doppio mento, giogaia .

-Speroni.

-Passi molto difettosi.

-Manto atipico.

-Colore marrone-scuro o tuorlo-pallido. Mantello pluricolore, colore non uniforme. Segno bianco sul petto che supera 5 cm di diametro.

-Piedi bianchi.

-Mancanza di pigmento, tanto alla pelle che sul bordo delle labbra e delle palpebre.

-Qualsiasi difetto di carattere.

-Altezza che non raggiunge o che supera di più di 2 cm lo standard

-Assenza dei testicoli dallo scroto


Nella foto Max il vizsla di Nicola Ana

 

 Per la realizzazione di questa scheda ringraziamo Roberto Guglielmini segretario del Club Magiar Vizsla Italia

PER APPROFONDIRE L'ARGOMENTO INSEPARABILE CONSIGLIA:

LIBRI  

L'enciclopedia dei BracchiL'Enciclopedia Internazionale dei Cani - storia, caratteristiche, consigli e tutte le razze Piccolo manuale del cane Cani di razza

DVD

IL LINGUAGGIO DEL CANE - DVD  QUAL'E' IL CANE PER TE? - DVD


Guarda il video del Bracco Ungherese o Vizsla

 

  .Forum
  .Pubbicizzati
  .CONCORSI  
  .Pet shop
 

 

google

cani
gatti
piccoli mammiferi
uccelli
rettili
anfibi
pesci
del cortile e della stalla
Piante, Alberi, Arbusti

Autore: Manuel Battafarano

. DISCLAIMER  . PUBBLICIZZATI SU INSEPARABILE
Copyright Inseparabile 18/12/2000 - 2014 contact info@inseparabile.com